laRegione
27.09.21 - 14:45
Aggiornamento: 16:32

Crollo a Daro, c’è la licenza per il muro

Mentre per quanto riguarda il rifacimento di via ai Ronchi l’avviso di pubblicazione è all’albo. L’iter si è rivelato ‘estremamente complesso e faticoso’

crollo-a-daro-c-e-la-licenza-per-il-muro

È ormai trascorso più di un anno dal crollo di via ai Ronchi a Daro e sono in diversi a chiedersi quando verrà ripristinata la strada comunale. Il crollo di 30 metri di carreggiata e del sottostante muro di sostegno era avvenuto la mattina del 27 agosto dell’anno scorso, in corrispondenza di un cantiere edile privato. Oltre ad aver interessato parte della strada dotata di parapetto, il cedimento aveva coinvolto anche sottostrutture comunali elettriche e per l’acqua potabile. Per informare i confinanti, proprio in questi giorni il Municipio ha recapitato loro una lettera in cui aggiorna sulla situazione attuale. Nello scritto, che segue una precedente indicazione inviata lo scorso 30 maggio, l’esecutivo informa gli abitanti su alcuni aspetti e spiega i prossimi passi. “Purtroppo, malgrado i fermi intendimenti del Municipio, non è ancora stato possibile dare inizio ai lavori di rifacimento e di sistemazione di via ai Ronchi”, viene spiegato nella missiva. L’iter si rileva tuttora “estremamente complesso e faticoso”, il Municipio aveva ordinato al titolare del fondo oggetto del franamento la presentazione di un progetto e di una domanda di costruzione per la messa in sicurezza del suo sedime, sul quale fosse poi possibile progettare e organizzare il ripristino della strada comunale. Per finire “dopo non poche discussioni, la domanda di costruzione richiesta è stata presentata e la procedura di verifica ha potuto prendere avvio”, si legge nella comunicazione. E nel frattempo la licenza edilizia per l’edificazione del muro di sostegno è stata rilasciata.

Anche il progetto per la sistemazione della strada comunale ha così potuto essere preparato e l’avviso di pubblicazione è avvenuto negli scorsi giorni all’albo comunale e sul foglio ufficiale. Ora, una “difficoltà supplementare risiede nel fatto che al momento dell’allestimento del piano ci si è resi conto che la precedente strada occupava per una ventina di metri quadrati la proprietà privata oggetto del franamento, senza che in passato la questione sia mai stata sistemata dal punto di vista formale”. Oggi è quindi necessario “porre rimedio anche a quest’aspetto trovando un accordo con la controparte, se possibile, o in alternativa attraverso una procedura espropriativa”. In definitiva comunque il calibro stradale non cambierà rispetto a come si presentava prima del crollo, ma i confini verranno rettificati. Nella comunicazione si legge che è “presumibile che il Comune, tramite il Municipio, anche per non perdere ulteriore tempo, anticiperà il finanziamento dell’intervento di messa in sicurezza di quel sedime, rinviando a un momento ulteriore la definizione formale delle responsabilità e l’assunzione dei relativi costi”. Sulle responsabilità dell’accaduto vi è infatti una divergenza di opinioni fra Comune e impresa.

Il progetto della nuova strada, la cui realizzazione è vincolata dall’edificazione del muro, oltre alla rinnovata pavimentazione prevede anche la creazione di un sistema di canalizzazioni lungo 170 metri. Verranno inoltre create sei nuove graditoie (griglie stradali) per consentire lo smaltimento delle acque che verranno convogliate nel riale Boné. Non verrà dunque sistemata solo la porzione di carreggiata interessata dal crollo (30 metri) ma bensì circa 220 metri in totale, inoltre, per la sicurezza della strada, dove prima c’era un piccolo muro di sostegno verrà costruito un cordolo. Il costo totale dell’opera è di 695mila franchi. Un progetto importante per il Municipio che intende risolvere la situazione il prima possibile, soprattutto per i cittadini che non hanno più a disposizione l’accesso diretto alla propria abitazione ma che devono fare un percorso più lungo.

Leggi anche:

Frana la strada a ridosso di un cantiere privato a Daro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
7 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
7 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
8 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
8 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
10 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
10 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
11 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
12 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved