laRegione
22.06.21 - 15:02
Aggiornamento: 18:14

Mense scolastiche e corsi di nuoto più cari a Bellinzona

Alle Elementari il pasto sale da 8 franchi a 9.50 (+19%). Al bagno pubblico corsi passati in 7 anni da 15 a 80 franchi. Raffica di domande al Municipio

mense-scolastiche-e-corsi-di-nuoto-piu-cari-a-bellinzona
Un'offerta storicamente a prezzi popolari ma sempre più onerosa per le famiglie

Cosa sta succedendo alle tasse di Bellinzona le cui casse comunali mostrano pesanti disavanzi nel 2020 e 2021, tanto da intravedere l’avvio di una cura da cavallo partendo dal preventivo 2022? Significativi rincari sono infatti intervenuti recentemente sia per i pasti consumati in mensa dagli allievi delle Elementari, sia per i corsi di nuoto estivi organizzati al bagno pubblico. Ciò che tramite due interpellanze depositate oggi ha scatenato la sinistra nella ricerca di spiegazioni attese durante la seduta di legislativo del 30 aprile per bocca rispettivamente del municipale Plr Renato Bison (capodicastero Educazione, cultura, giovani e famiglie) e di quello leghista Mauro Minotti (Finanze, economia e sport).

Fuori le cifre

Partiamo dalle mense. Il 9 giugno – attaccano i consiglieri Mps Angelica Lepori, Matteo Pronzini e Giuseppe Sergi – l’Esecutivo ha proceduto, tramite una modifica dell’Ordinanza municipale sulle tasse per le prestazioni dell’Istituto scolastico, a un aumento della tassa di refezione della scuola elementare pari al 18,75%, portandola cioè da 8 franchi a 9.50 franchi. “Nell’attuale contesto sociale ed economico non si giustifica nessun aumento delle spese per le famiglie della nostra città”, scrivono i consiglieri chiedendo spiegazioni: “Nei capitolati d’offerta dei singoli lotti delle mense vi era (e vi è) indicato un prezzo del pranzo offerto? Se sì, quale era (ed è) per i singoli lotti? A quanto ammonterà, per ogni singolo lotto e complessivamente, il maggior incasso per l’intero anno scolastico 2021/22?”. I firmatari presentano anche una proposta di risoluzione all’indirizzo del Consiglio comunale con cui deplorano la decisione municipale e chiedono allo stesso di annullarla.

Meno posti per più franchi

Capitolo corsi di nuoto, iniziati proprio questo lunedì 21 giugno. A farsi portavoce del malcontento di non poche famiglie per i rincari delle tariffe e la riduzione dei posti disponibili è l’interpellanza di Martina Malacrida Nembrini (Unità di sinistra) affiancata da cinque colleghi di lista, due Verdi e un liberale. Già il 30 maggio, viene fatto notare, la società Turrita Nuoto comunicava sul proprio sito l’esaurimento dei posti a disposizione: “Solo 400 (domiciliati e non) a fronte dei 650 nel 2019 e ai molti di più registrati negli anni precedenti quando i corsi erano offerti a prezzi più popolari”, lamentano gli interpellanti. Ai ritardatari veniva suggerito d’iscriversi ai corsi organizzati dalla società in luglio e agosto: “Purtroppo però anche questi hanno subito un rincaro. Per 45 minuti al giorno durante 5 giorni il costo è di 100 franchi, assai più oneroso dei corsi di giugno. Per i quali l’aumento delle tasse d’iscrizione è stato esponenziale dal 2014 al 2021: da 15 a 80 franchi in 7 anni con un’impennata da 25 a 50 nel 2019. Altra nota dolente: l’abolizione della tessera di 20.- che permetteva l’accesso alla piscina al genitore accompagnante i figli al corso”.

‘Disservizio per le famiglie’

Nel contempo le ore di lezioni offerte sono diminuite di 30 minuti “causando così un ulteriore disservizio alle famiglie che si vedono ridotto il tempo durante il quale i ragazzi sono impegnati, causando problemi di conciliazione con gli orari di lavoro (pochi possono permettersi di iniziare a lavorare dopo le 9) e se, come scritto nel comunicato Turrita nuoto, il problema fosse quello di non far entrare in acqua bambini e ragazzi alle 8.30 a causa della bassa temperatura, si sarebbe comunque potuto posticipare la fine del corso a mezzogiorno”. I consiglieri ritengono rincari e riduzioni d’orario “ingiustificati e sicuramente a sfavore dei ragazzi meno abbienti e delle loro famiglie; infatti non è nemmeno previsto uno sconto per famiglie numerose e per quelle meno fortunate economicamente”. I consiglieri ritengono anche che nel contributo di oltre 3,5 milioni che la Città versa all’Ente autonomi Bellinzona sport, si dovrebbe trovare sufficiente margine di manovra per coprire i costi dei corsi di nuoto: “Dato il momento particolare che stiamo vivendo è ancora più importante riflettere sulla legittimità della logica del profitto a scapito del servizio pubblico, bisogna prestare ancora più attenzione alle ripercussioni economiche che stanno subendo le fasce più vulnerabili, ossia quelle famiglie (e sono sempre di più) che purtroppo non possono permettersi lezioni di nuoto private per i propri figli”. Anche considerando legittima la necessità dell’Ente Sport e della Turrita Nuoto di recuperare le minori entrate avute le scorso anno, “riteniamo che questo servizio alla cittadinanza debba continuare a essere garantito per tutti”. Essendo i corsi di nuoto di Bellinzona una “tradizione radicata e motivo di orgoglio di una Città che nel corso degli anni ha offerto un’attività popolare a prezzi popolari ai suoi giovani cittadini”, questo aspetto “dovrebbe tornare centrale ed essere riconsiderato quale parte integrante della politica giovanile cittadina”.

Le domande

Da qui una serie d’interrogativi: per quale motivo il numero massimo di iscritti si limita a 400 e ciò nonostante l’offerta viene comunque estesa ai non domiciliati? Corrisponde al vero che i compensi ai monitori venivano precedentemente pagati dalla Città ed ora ricadono su Turrita Nuoto? Per garantire una maggiore offerta e qualità dei corsi, il sovrappiù economico potrebbe essere pagato dalla Città? Visto che Turrita nuoto ha deciso di rinunciare ai sussidi Gioventù+Sport per motivi logistici e organizzativi, come ha pensato di supplire a questa mancata entrata? Perché la tassa d’iscrizione è passata da 50 a 80 franchi a partecipante? La popolazione è stata adeguatamente informata sulle modifiche apportate al concetto dei corsi di nuoto? Sono previsti altri rincari nel prossimo futuro? Il Municipio potrebbe prendere in considerazione una riduzione delle tasse d’iscrizione e una maggior offerta di ore per i corsi che si terranno durante l’estate 2022?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
8 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
11 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
11 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
11 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
20 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
21 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
22 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
22 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved