laRegione
03.06.21 - 19:03

Decreto d'accusa per il "finto dentista" senza diploma

L'83enne di Bellinzona prestò illecitamente cure dentarie a una quarantina di pazienti

decreto-d-accusa-per-il-finto-dentista-senza-diploma
Ti-Press

Per anni aveva svolto la professione di dentista, eppure non aveva nemmeno il diploma. È sfociata in un decreto di accusa per truffa aggravata (in parte tentata) e ripetuta infrazione alla legge sanitaria l’inchiesta sul “finto dentista” di Bellinzona. A darne notizia è la Rsi. Contro l’83enne la procuratrice pubblica Pamela Pedretti ha proposto una pena pecuniaria di 7'200 franchi (sospesa per tre anni) e una multa di 20mila. Dal 2000 gli era stata revocata – per la terza volta e a tempo indeterminato – l’autorizzazione a esercitare come odontotecnico. Dal giugno del 2006 all’agosto del 2020, continuava a esercitare la professione. Protesi, estrazioni, prese d'impronta, riparazioni dentali su una quarantina di pazienti, per un incasso complessivo di circa 25mila franchi.

 

Nel febbraio del 2020, riferisce sempre la Rsi, una donna lo segnalò all’Ufficio sanità, facendo scattare le indagini e il fermo dell’uomo. Gli inquirenti apposero i sigilli al suo laboratorio, trovato in condizioni carenti. Questo non gli impedì però di continuare. In almeno due occasioni, durante l'emergenza pandemica lavorò addirittura, su chiamata, in una casa anziani della capitale. L’83enne, difeso da Niccolò Giovanettina, è stato comunque prosciolto dall’accusa di lesioni gravi (subordinatamente semplici), ipotizzata in relazione alla paziente che si era rivolta alle autorità per i fastidi e i dolori avvertiti dopo gli interventi alla sua protesi dentaria. Pedretti non ha ravvisato gli elementi oggettivi del reato in questione, e neppure i presupposti per le vie di fatto. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
9 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
9 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
11 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
12 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
12 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
13 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
16 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved