laRegione
un-fiume-per-i-cittadini
Ti-Press
Le autorità alla presentazione dei lavori questa mattina a Bellinzona
+1
Bellinzonese
12.03.21 - 15:250
Aggiornamento : 17:11

Un fiume per i cittadini

Conclusi gli interventi di rinaturazione del Fiume Ticino effettuati in zona Torretta a Bellinzona. A settembre in arrivo una passerella ciclopedonale

«Bellinzona finalmente guarda il suo fiume e non gli volta le spalle». Sono parole cariche di significato e anche di emozione quelle pronunciate oggi da Edgardo Malè, presidente Consorzio correzione Fiume Ticino, nell’ambito della presentazione dei lavori del comparto Torretta iniziati un anno fa e ora conclusi. Questi interventi di rinaturazione del fiume Ticino rappresentano la prima tappa del Parco fluviale Saleggi-Boschetti, costata circa 1,8 milioni di franchi. Una prima parte di lavori, avvenuti tra il ponte della Torretta situato al termine di Viale Franscini e il Centro sportivo cittadino, che ha comportato tre allargamenti distinti dell’alveo del fiume. Con la rimozione e la ricollocazione dell’argine sommergibile sono state create delle anse che favoriscono la biodiversità di flora e fauna. Ma queste insenature facilitano anche l’accesso al corso d’acqua. Grazie alla realizzazione di una rampa, i cittadini possono infatti fruire di queste baie fin da subito. «Il Fiume Ticino è un elemento identitario della nostra Città – ha evidenziato il sindaco di Bellinzona Mario Branda –. Per molto tempo è stato vissuto come componente ostile, poi a fine Ottocento è stato addomesticato, divenendo però un punto di divisione. Ora il fiume diventa il centro della vita cittadina, avvicina le persone e collega paesaggisticamente i tredici Comuni che sono confluiti nella Città». 

Qualche cifra

Laurent Filippini, capo Ufficio corsi d’acqua, ha fornito qualche cifra relativa agli interventi di rinaturazione effettuati nel comparto Torretta che sono durati 110 giorni. Sono stati spostati 30mila metri cubi di materiale, sono state posate 10mila tonnellate di blocchi di granito per garantire la sicurezza e sono state messe a dimora 80 nuove piante. Per quanto riguarda il finanziamento dei lavori fluviali, 250mila franchi sono stati stanziati dalla Città, 50mila sono a carico del Consorzio correzione Fiume Ticino, mentre il resto viene coperto da sussidi cantonali e federali. Un progetto importante «di cui il Cantone va particolarmente fiero», ha evidenziato il Consigliere di Stato Claudio Zali, direttore Dipartimento del territorio. E che rappresenta un «antipasto» di ciò che verrà. Il cantiere infatti si inserisce in un più ampio progetto di rinaturazione e messa in sicurezza del corso d’acqua che costerà circa 80 milioni di franchi. La prima tappa, ha sottolineato Simone Gianini, municipale, capo Dicastero Territorio e mobilità di Bellinzona, ha permesso di mostrare alla popolazione – che già da ora si è riavvicinata al suo fiume – ciò che sarà il progetto globale di rinaturazione del corso d’acqua. 

Proprio in corrispondenza con l’ex ponte della Torretta, il comparto verrà inoltre presto dotato di una nuova passerella ciclopedonale che permetterà di raggiungere Carasso in sicurezza a piedi o in bicicletta. Si prevede che la realizzazione abbia inizio nel mese di settembre. 

Le prossime tappe

Le prossime tappe prenderanno il via entro la fine del 2021, innanzitutto con la procedura di pubblicazione dei piani riferiti al grande comparto Boschetti (Sementina-Gudo). Una tappa da 40 milioni di franchi circa, i cui lavori dovrebbero iniziare alla fine del 2022. Nel comparto Boschetti l’intervento prevede l’allargamento del letto del fiume per contrastare il costante abbassamento dell’alveo e ridurre notevolmente i rischi di esondazione legati alle piene. Sempre nell’ottica della sicurezza, è inoltre prevista una nuova pozza che fungerà anche da riserva in caso di incendi boschivi.

Seguirà la tappa in zona Saleggi, altro cantiere da 40 milioni circa, la cui pubblicazione dei piani è prevista a fine 2023 e l’inizio dei lavori è stimato a fine 2024. L'auspicio della Città è che questa opera di rinaturazione del corso d’acqua possa in seguito essere estesa anche a Nord di Bellinzona. 

Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mondo digitale
33 min
'L'arte digitale è qui per rimanere'
La nuova mania del collezionismo che offre ad artisti e compratori proprietà e investimenti digitali
Mendrisiotto
1 ora
Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus
Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi
Locarnese
1 ora
Lite tra ragazze a Locarno, una vetrina spaccata
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
8 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
8 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
17 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
18 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
19 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
20 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
20 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile