laRegione
29.11.20 - 20:06

Imprese responsabili, insuperabile lo scoglio dei cantoni

Iniziativa accolta dalla maggioranza del popolo, ma respinta da 14 cantoni e mezzo. Via libera al controprogetto. Keller-Sutter: varie questioni aperte.

imprese-responsabili-insuperabile-lo-scoglio-dei-cantoni
Keystone

Sì del popolo, no dei cantoni. Una combinazione rara. Nella storia della democrazia diretta svizzera si era verificata solo nove volte (una nel caso delle iniziative popolari). L’inusuale scenario si è delineato quasi subito in modo chiaro ieri pomeriggio, man mano che dai singoli cantoni giungevano le proiezioni e i risultati parziali dello scrutinio. Alla fine, a sconfitta già assodata (soltanto otto cantoni e mezzo su 23 per il sì), ai promotori dell’iniziativa ‘Per imprese responsabili’ non è rimasto altro che consolarsi con la maggioranza dei votanti. Un successo parziale, di misura (50,7%), che – pur non inatteso – è giunto come una doccia fredda, viste le aspettative della vigilia che i sondaggi avevano contribuito ad alimentare. Adesso, a meno di un improbabile referendum, entra in vigore un controprogetto ‘light’ (cfr. infografia) fortemente voluto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter (Plr).

In gioco c'era una modifica costituzionale. Serviva dunque la doppia maggioranza di popolo e cantoni. Decisiva, per quest’ultima, è stata l’opposizione in massa della Svizzera tedesca. I cantoni germanofoni, con le sole eccezioni di quelli prevalentemente urbani (Berna, Zurigo e Basilea Città), si sono schierati contro l’iniziativa. Il no ha stravinto a Svitto (68,4%), Nidvaldo (67,8%) e Appenzello Interno (65%). Tranne il bilingue Vallese, la Romandia ha votato compatta per il sì, in particolare Giura (68,7%), Neuchâtel (64,6%) e Ginevra (64,2%). Anche in Ticino l’iniziativa è stata accolta (54,2%). 

Gli ‘swing states’ non hanno traballato

La campagna pluriennale dei promotori – spalleggiati dalle chiese, dai partiti della sinistra, dai Verdi liberali e dal Pev (evangelici) – ha dunque fatto breccia solo nella Svizzera ‘latina’ e nelle zone urbane della Svizzera tedesca. Altrove è passato invece il messaggio veicolato da Economiesuisse, dalle organizzazioni economiche, dai partiti borghesi (Udc, Plr e Ppd) e dal Consiglio federale. I fautori del no hanno opportunamente concentrato le loro risorse sui cantoni ritenuti in bilico, alzando nelle ultime settimane il tono del confronto nella Svizzera tedesca. Sull’altro fronte, gli ‘opinion leader’ moderati impegnati a livello locale (i consiglieri nazionali del Pbd Martin Landolt a Glarona e Simon Stadler del Ppd a Uri, tra gli altri) non sono stati in grado di mobilitare a sufficienza l’elettorato centrista, cruciale per far passare potenziali ‘swing states’ nel campo del sì. 

Economiesuisse tira un sospiro di sollievo. La direttrice romanda Cristina Gaggini ha sottolineato a Keystone-Ats come il testo fosse fonte di grande incertezza per l’insieme del tessuto economico. L’organizzazione che difende gli interessi delle grandi imprese si rallegra per il “segnale importante a favore della piazza economica svizzera”. ILa popolazione ha espresso “un grande desiderio di regole più chiare nell’ambito dei diritti umani e della protezione dell’ambiente”. Un desiderio che però viene soddisfatto meglio da un controprogetto indiretto “coordinato a livello internazionale” e “riprende gli strumenti più avanzati in materia di responsabilità delle imprese a livello mondiale”. Anche per l’Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) era importante che le imprese elvetiche non venissero inutilmente penalizzate sul piano concorrenziale. I cittadini hanno respinto questa sperimentazione, applaude l’organizzazione.

Secondo il Plr, fortunatamente la Svizzera non agirà in solitaria a livello internazionale, il che avrebbe posto le aziende elvetiche di fronte a numerose sfide. L’Udc è sollevata dal fatto che i cittadini non abbiano ceduto al ricatto moralista degli iniziativisti. Il Ppd, dal canto suo, si rallegra in merito alla prossima entrata in vigore del controprogetto, adottato dal Parlamento e sostenuto dal Consiglio federale. Stando ai popolari-democratici, si tratta dello strumento più indicato per concretizzare gli obiettivi dell’iniziativa.

‘Affermazioni false’

“Deluso” l’ex consigliere agli Stati Plr Dick Marty. “Sono deluso dal fatto che la strategia dei contrari di diffondere insicurezza nell’elettorato con affermazioni false abbia funzionato”, afferma il co-presidente del comitato d’iniziativa, citato in una nota. I promotori non si danno per vinti. È “solo una questione di tempo finché anche la Svizzera adotti quanto chiesto dall’iniziativa”, si legge nella nota.

Il Ps è amareggiato, ma sottolinea come sia stato mandato un segnale forte all’economia. Per i Verdi, la Svizzera prima o poi sarà obbligata a legiferare sul rispetto dell’ambiente e dei diritti dell’uomo all’estero da parte delle sue multinazionali. Mentre i Verdi liberali ritengono che la bocciatura sia stata causata dalle preoccupazioni legate all’insicurezza giuridica per le piccole e medie imprese.

Controprogetto, questioni aperte

Il risultato è chiaramente ‘no’ in quanto la maggioranza dei cantoni l’ha bocciata. Tuttavia, ha sottolineato la consigliera federale Keller-Sutter in conferenza stampa a Berna, i promotori del testo non restano a mani vuote dal momento che il controprogetto «rende ora vincolante per le aziende ciò che prima era volontario». Il Consiglio federale, pur rallegrandosi del risultato, tiene in considerazione gli anni di lotta portati avanti dai sostenitori della proposta. «Siamo consapevoli che molti sono delusi», ha detto Keller-Sutter.

Si è trattato di un voto emotivo, ha proseguito la ministra di giustizia e polizia, puntualizzando che la maggioranza dei cantoni non ha votato contro l’obiettivo che si poneva il testo, ma contro la via indicata. Il controprogetto adottato dal Parlamento è la «via moderata, efficace e concordata a livello internazionale» per raggiungere questo obiettivo.

Se la legge non verrà contestata entro cento giorni tramite un referendum, la Svizzera andrà oltre la maggior parte dei Paesi nella lotta contro il lavoro minorile. Nel frattempo il Consiglio federale emanerà le disposizioni d’esecuzione a livello di ordinanza. Keller-Sutter ha detto che alcune questioni di dettaglio sono ancora aperte – ad esempio, da che quantità di minerali provenienti da zone di conflitto introdotte si applicherebbe alle imprese l’obbligo della dovuta diligenza, o quali piccole e medie imprese sarebbero esentate dalle norme sul lavoro minorile. «Si sta facendo qualcosa, questo è importante» e nei prossimi mesi e anni il Consiglio federale seguirà da vicino anche gli sviluppi internazionali, ha detto Keller-Sutter.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
44 min
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
47 min
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
1 ora
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
1 ora
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
1 ora
Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
1 ora
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
3 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
5 ore
Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
6 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
6 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
© Regiopress, All rights reserved