laRegione
24.01.23 - 17:24
Aggiornamento: 19:25

Caso Berset: ‘Vogliamo indagare sulle accuse’

L‘annuncio dell’inchiesta parlamentare arriva dalle Commissioni della gestione delle Camere, che vogliono vederci chiaro sul caso ‘CoronaLeaks’

Ats, a cura di Red.Web
caso-berset-vogliamo-indagare-sulle-accuse
Keystone

Le commissioni della gestione del parlamento hanno istituito un gruppo di lavoro di sei persone che dovrà indagare sulle indiscrezioni che hanno riguardato il Dipartimento federale dell’Interno di Alain Berset.

L’indagine andrà tuttavia estesa anche a tutte le "soffiate" provenienti dal Consiglio federale e dall’amministrazione riguardanti il periodo della pandemia di coronavirus.

Lo ha dichiarato oggi ai media Matthias Michel (Plr/Zg), presidente della Commissione della gestione del Consiglio degli Stati, accompagnato dalla presidente dell’omologa Commissione del Consiglio Nazionale, Prisca Birrer-Heimo (Ps/Lu). Stando ai due deputati, vista la portata di quanto accaduto, soprattutto a causa della sistematicità di certe indiscrezioni legate alla politica anti-Covid e al coinvolgimento dei media, non deve più ripetersi.

Circa il gruppo di lavoro, Birrer-Heimo ha dichiarato che si tratta di un piccolo "cenacolo" composto di tre rappresentanti degli Stati e tre del Nazionale, in cui sono rappresentati tutti i partiti, anche quelli che non siedono in Consiglio federale. Insomma, questa volta, tenuto conto delle ripercussioni politiche e istituzionali di questa vicenda, non si è tenuto conto della forza di ogni gruppo parlamentare a Berna. Il fatto di avere anche eletti non rappresentati in governo, ha spiegato la deputata socialista, contribuisce ad apportare uno sguardo diverso su questo affare.

Prendendo la parola, Michel ha precisato che le commissioni si sono decise per un gruppo di lavoro a causa dei limiti imposti loro: sono infatti in corso procedimenti penali, probabilmente per violazione del segreto d’ufficio. Insomma, il gruppo di lavoro dovrà muoversi rispettando le sue competenze e senza invadere il campo d’azione della giustizia in nome della separazione dei poteri.

Quanto ai compiti del gruppo, ha aggiunto il "senatore" del canton Zugo, quest’ultimo dovrà stabilire quali e quante soffiate sono giunte dal Consiglio federale in relazione alle decisioni prese riguardo la pandemia, chi ne è all’origine e chi ne ha approfittato. Inoltre, dovrà appurare quali provvedimenti ha adottato Alain Berset per porre fine a tali indiscrezioni e quali il Consiglio federale in corpore.

Michel ha insistito sugli strumenti limitati delle commissioni. Tuttavia non ha escluso che si possano anche esaminare i verbali del Consiglio federale attivando la Delegazione delle Commissioni della gestione dei due rami del parlamento, un istanza che ha questo potere e che si occupa anche di servizi segreti.

Per gli Stati sono stati scelti Philippe Bauer (Plr/Ne), Daniel Fässler (Centro/Ai) e Hans Stöckli (Ps/Be), per il Nazionale Katja Christ (Vedi liberali/Bs), Manuela Weigelt (Verdi/ZG) e Thomas de Courten (Udc/Bl), ha aggiunto Birrer-Heimo, spiegando che la "piccola" taglia del gruppo di lavoro si spiega anche con la volontà di mantenere il riserbo evitando fughe di notizie. Il presidente del gruppo di lavoro è Bauer e il suo vice de Courten.

La "Schweiz am Wochenende" ha riferito circa una decina di giorni fa che l’ex capo della comunicazione di Berset, Peter Lauener, aveva ripetutamente passato a Ringier, editore tra l’altro del "Blick", informazioni confidenziali sulle misure per contrastare il Covid previste dal Consiglio federale.

Il domenicale, secondo proprie informazioni, si basa su e-mail e verbali di interrogatori a disposizione della redazione. Un procuratore federale straordinario ha avviato un procedimento che vede sospettato Lauener e ha interrogato anche Berset.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
10 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
10 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
12 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
13 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
14 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved