laRegione
13.09.22 - 09:56
Aggiornamento: 18:19

Cure infermieristiche, via libera al rafforzamento professione

L’iniziativa, accolta il 28 novembre 2021 con il 61% di sì, chiede in particolare che sia disponibile un numero sufficiente di diplomati

Ats, a cura di Red.Web
cure-infermieristiche-via-libera-al-rafforzamento-professione
Ti-Press
In corsia

Via libera da parte del Consiglio degli Stati alle prime proposte d’applicazione dell’iniziativa popolare "Per cure infermieristiche forti". Queste concernono una campagna di formazione e la fatturazione diretta. L’iniziativa, accolta il 28 novembre 2021 con il 61% di sì, chiede in particolare che sia disponibile un numero sufficiente di infermieri diplomati per rispondere al fabbisogno crescente di cure. Inoltre, in futuro gli infermieri dovranno poter fatturare determinate prestazioni direttamente all’assicurazione obbligatoria o ad altre assicurazioni sociali.

Il Parlamento aveva già accolto queste due richieste nel suo controprogetto, che prevedeva fino a un miliardo di franchi in otto anni per il finanziamento della formazione da parte di Confederazione e Cantoni. Fra le misure figuravano contributi destinati alle istituzioni per la formazione pratica degli infermieri diplomati e sovvenzioni per le scuole universitarie professionali e le scuole specializzate superiori in caso di aumento del numero di posti di formazione. Inoltre gli studenti di questi istituti potevano beneficiare di un sostegno finanziario se necessario. Questi aspetti, ha spiegato la relatrice commissionale Marina Carobbio Guscetti, non erano contestati e hanno potuto essere rapidamente ripresi e senza una nuova consultazione nella nuova Legge federale sulla promozione della formazione in cure infermieristiche. Tale legge è stata adottata oggi con 43 voti favorevoli, nessun contrario e nessun astenuto.

Un’attuazione rapida di queste misure permetterà di far fronte alla penuria di infermieri come richiesto dall’iniziativa, ha aggiunto il consigliere federale Alain Berset che ha ricordato come oggi in Svizzera ci siano attualmente 14’500 posti vacanti nel settore. I "senatori" hanno anche approvato il regolamento che consentirà agli infermieri di fatturare determinate prestazioni direttamente alle assicurazioni senza prescrizione medica. Il disegno prevede un meccanismo di controllo teso a evitare un aumento indesiderato dei costi della salute.

L’attuazione degli altri aspetti contenuti nell’iniziativa richiederà invece più tempo. Tra questi rientrano le richieste di condizioni di lavoro adeguate alle esigenze e di una remunerazione adeguata delle prestazioni di cura.

Questi aspetti, che non erano presenti nel controprogetto, sono attualmente principalmente di competenza dei Cantoni, delle aziende, delle parti sociali o dei fornitori di prestazioni e dei finanziatori del sistema sanitario. Il governo ha quindi incaricato a fine maggio l’Ufficio federale della sanità pubblica di chiarire le competenze per il seguito dei lavori, in collaborazione con la Segreteria di Stato dell’economia, la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione e l’Ufficio federale di giustizia. L’oggetto va ora al Nazionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano
Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
5 ore
Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’
‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
8 ore
Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo
Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
12 ore
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
12 ore
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
18 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
1 gior
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
1 gior
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
1 gior
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
© Regiopress, All rights reserved