laRegione
07.09.22 - 12:38
Aggiornamento: 16:15

Non è necessario intervenire sulle cure oncologiche pediatriche

Secondo il rapporto, richiesto dal governo, le casse malati rimborsano quasi sempre i medicamenti per la cura dei tumori nei pazienti minorenni

non-e-necessario-intervenire-sulle-cure-oncologiche-pediatriche
Ti-Press

Le casse malattia rimborsano quasi sempre i medicamenti oncologici pediatrici off-label. È quanto dimostra un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale, che ritiene quindi inutile intervenire in quest’ambito.

Lo studio, redatto su mandato della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Nazionale (Csss-N), ha preso in esame il rimborso dei costi per i medicamenti oncologici pediatrici da parte delle casse malattia ed eventuali disparità fra assicuratori.

Per essere rimborsati dalle casse i farmaci devono figurare nell’elenco delle specialità (Es), in caso contrario è necessaria una garanzia di assunzione dei costi da parte degli assicuratori. Ai bambini affetti da cancro spesso vengono prescritti farmaci al di fuori del campo di applicazione approvato, se nessuna terapia è efficace. Ogni anno vengono presentate circa 270 domande di garanzia di assunzione dei costi a questo scopo. Le casse malattia dispongono di una certa discrezionalità nel decidere se coprire i costi o meno di questi medicamenti, spesso molto cari.

Stando al rapporto, nel settore dell’oncologia pediatrica la percentuale di assunzione dei costi da parte delle casse sfiora il 100%. "L’alta percentuale di autorizzazioni contribuisce all’elevato tasso di sopravvivenza alle malattie tumorali in età pediatrica che la Svizzera presenta nel confronto internazionale", afferma un comunicato odierno.

Nei rari casi in cui la domanda di garanzia di assunzione dei costi è stata respinta, "è risultato possibile assicurare il finanziamento del trattamento tramite soluzioni alternative", afferma ancora il governo concludendo che non sussiste alcuna disparità di trattamento e che non è quindi necessario intervenire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved