laRegione
30.08.22 - 10:49
Aggiornamento: 18:08

Passata l’emergenza coronavirus, balzo in avanti del Pil

Nel 2020 la pandemia aveva portato a una contrazione del 2,4%. Nel 2021 invece, il prodotto interno lordo è cresciuto del 4,2 per cento

Ats, a cura di Red.Web
passata-l-emergenza-coronavirus-balzo-in-avanti-del-pil
Ti-Press
Superato anche il livello del 2019

Crescita sostenuta in Svizzera nel 2021: il prodotto interno lordo (Pil) è aumentato del 4,2% rispetto all’anno prima, quando si era registrata una flessione del 2,4% sulla scia dello scoppio della pandemia di coronavirus.

Grazie a questo rimbalzo il Pil dell’anno scorso ha superato il livello del 2019, anche se alcuni settori dell’economia elvetica hanno continuato a risentire della situazione pandemica, ha indicato stamani l’Ufficio federale di statistica (Ust). Il dato diffuso dai funzionari di Neuchâtel è superiore alla prima stima della Segreteria di stato dell’economia (Seco), che aveva parlato di un’espansione dell’economia pari al 3,8%.

Nel dettaglio, il Pil si è attestato nel 2021 a 732 miliardi di franchi, a fronte dei 695 miliardi del 2020 e dei 717 miliardi del 2019, prima dell’anno della pandemia. A questo proposito va detto che l’Ust ha proceduto a una revisione dei conti, sulla scia dei cambiamenti effettuati dalla Banca nazionale svizzera (Bns) nella statistica della bilancia dei pagamenti. Concretamente l’intervento ha avuto un impatto sul livello del Pil, che risulta ora più basso per tutto il periodo 1995-2020: nell’ultimo anno per esempio è di 12 miliardi più basso della stima precedente. Non cambiano per contro sostanzialmente le variazioni annuali.

Concentrando l’attenzione sul 2021, l’Ust sottolinea come l’industria ha registrato una forte crescita del valore aggiunto (+11%). Anche i servizi non finanziari, dopo un anno difficile nel 2020, hanno registrato una netta crescita. Alcune attività come la ristorazione e le attività creative hanno però continuato a risentire dell’impatto del Covid e delle misure di restrizione per farvi fronte. Nel campo della finanza le banche hanno segnato +12%, mentre le assicurazioni (-4%) hanno sofferto per la pandemia e per l’aumento dei sinistri legati alle catastrofi naturali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 min
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Uione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
1 ora
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
3 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
3 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
4 ore
I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione
Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
Svizzera
4 ore
Tre persone travolte da una slavina: morto un 24enne
Incidente in montagna con esito letale nei Grigioni, lungo la via che dal passo della Flüela porta al Piz Radönt
Svizzera
5 ore
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
6 ore
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
7 ore
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
7 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
© Regiopress, All rights reserved