laRegione
08.08.22 - 08:32
Aggiornamento: 15:20

‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’

Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi

Ats, a cura di Red.Web
sulla-cybersicurezza-servono-regole-piu-forti
Keystone

Con l’aumento degli attacchi informatici in Svizzera, gli esperti accusano i politici di non fare abbastanza. Questi ultimi si rifiuterebbero di prendere misure drastiche per non "complicare la vita delle aziende", ma alla fine questo atteggiamento costerà di più all’economia, avverte uno di loro.

Pure l’immagine della Svizzera ne risentirà, ha dichiarato Stéphane Koch, specialista in cybersicurezza e vicepresidente della società di sicurezza Immuniweb, in un’intervista pubblicata oggi dai quotidiani romandi 24 heures e Tribune de Genève. "Anche le nuove leggi sulla protezione dei dati o sulla sicurezza delle informazioni non sono sufficienti", ha detto.

Il ginevrino ritiene che le aziende debbano essere obbligate per legge a garantire la loro sicurezza informatica, altrimenti "dovrebbero essere ritenute responsabili in caso di perdita di dati o di attacchi".

Regole per le aziende di cybersicurezza

Oltre alle aziende, anche i Comuni sono sempre più soggetti ad attacchi informatici. Sébastien Fanti, responsabile della protezione dei dati e della trasparenza per il Canton Vallese, ritiene che anche in questo ambito sia necessario un grande sforzo.

A suo avviso, i fornitori di servizi informatici inaffidabili e non sufficientemente controllati spiegano in parte questa fragilità. "Se si considerano i casi dei Comuni ricattati in Romandia, si vede che spesso lavorano con le stesse aziende di sicurezza informatica", spiega, prima di chiedere una maggiore regolamentazione.

Le aziende di cybersicurezza sono più caute: "Non è regolamentando che risolveremo il problema", afferma Steven Meyer, presidente del Consiglio di amministrazione di Zendata. A suo avviso, è compito delle aziende assicurarsi che il fornitore di servizi che hanno assunto sia affidabile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
5 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
5 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
6 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
21 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
21 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
21 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
22 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved