laRegione
materie-prime-serve-maggiore-trasparenza
archivio Keystone
29.06.22 - 13:17
Aggiornamento: 15:10
Ats, a cura de laRegione

Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’

Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità

Benché la Svizzera, Ticino in primis assieme a Ginevra e Zugo, sia diventata una della maggiori piattaforme internazionali per il commercio di materie prime, sul settore aleggia ancora una certa opacità.

Per questo il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore che in un recente passato è stato oggetto di critiche, anche aspre (vedi multa da oltre un miliardo di dollari alla Glencore inflitta da un tribunale degli Stati Uniti per corruzione e altre attività illecite, n.d.r).

Stando a una nota governativa odierna, circa 900 aziende in Svizzera attive nel settore delle materie prime danno lavoro a oltre 10mila persone. Ma né la Confederazione né a livello internazionale esiste però una classificazione specifica delle attività delle aziende attive nel settore; ci si deve accontentare insomma di stime approssimative del peso economico. Non esistono nemmeno informazioni separate sui beni scambiati in Svizzera.

In verità, il governo aveva già dichiarato nel 2018 che, data la rilevanza del settore, era importante che fossero disponibili sufficienti informazioni statistiche anche a lungo termine. I lavori avviati dall’Ufficio federale di statistica hanno permesso di pubblicare nel 2021 i primi dati sul numero di aziende e di dipendenti.

Ora però l’esecutivo intende migliorare le statistiche ufficiali sul commercio di materie prime per valutare meglio l’importanza nazionale e internazionale del settore: a tale scopo ha incaricato il Dipartimento federale dell’economia (Defr) di valutare in dettaglio, assieme al Dipartimento federale degli affari esteri a quello dell’interno e delle finanze, l’avvio di una raccolta di dati e le relative implicazioni per le risorse entro la fine del 2022.

L’obiettivo? Disporre di una base di dati affidabile sul commercio svizzero di materie prime che permetta confronti temporali. L’ampliamento delle statistiche esistenti e il rilevamento regolare dei dati è un processo complesso e che richiede tempo: nuovi dati ufficiali saranno quindi disponibili solo a medio-lungo termine.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale materie prime
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio
Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
13 ore
Furti con scasso a Silvaplana e Müstair
La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
14 ore
Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia
È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
14 ore
Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona
In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
14 ore
Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale
Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
14 ore
Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi
Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
15 ore
Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo
A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
16 ore
Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni
Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
Svizzera
16 ore
Le associazioni padronali: tre ‘sì’ e un ‘no’ il 25 settembre
A esprimersi oggi sulle prossime votazioni quattro associazioni economiche. Il ‘no’ riguarda l’iniziativa sull’allevamento intensivo
Svizzera
16 ore
L’aumento dei tassi non sta impattando il mercato degli alloggi
Lo rilevano gli economisti di Raiffeisen. I tassi più alti influenzano invece le scelte delle modalità di finanziamento per acquisti o rinnovi di mutui
© Regiopress, All rights reserved