laRegione
18.04.22 - 17:26

Zurigo, stupratore riceve un risarcimento di 100mila franchi

L’uomo, con problemi psichici, è stato trattato erroneamente per anni a causa di una perizia non corretta

Ats, a cura de laRegione
zurigo-stupratore-riceve-un-risarcimento-di-100mila-franchi
Depositphotos

Uno stupratore di 36 anni del cantone di Zurigo riceverà 100mila franchi di risarcimento dallo Stato. L’uomo, con problemi psichici, è stato trattato erroneamente per anni a causa di una perizia non corretta.

Nel 2010, quando aveva 24 anni, il giovane è stato condannato a quattro anni di reclusione dal Tribunale distrettuale di Zurigo e posto in un istituto per giovani adulti. Riesaminando il caso l’anno seguente, la Corte cantonale ha ridotto la pena a tre anni, ma ha mantenuto l’internamento. Dopo quattro anni, quando è stato rilasciato con la condizionale, il giovane ha ancora commesso reati sessuali. È quindi stato arrestato di nuovo e posto diversi mesi in custodia di sicurezza.

In seguito, due nuove perizie gli hanno attestato un disturbo mentale – schizofrenia ebefrenica, che spesso provoca comportamenti irresponsabili – che lo hanno spinto a commettere i reati sessuali in maniera inconsapevole. Quindi non era colpevole. Di conseguenza il Tribunale cantonale ha annullato le condanne del 2010 e del 2011 e assolto pienamente l’imputato, riferisce una sentenza pubblicata recentemente. La vecchia perizia iniziale sul suo stato mentale è stata ritenuta difettosa e poco dettagliata.

Secondo la più alta Corte cantonale, l’uomo avrebbe dovuto essere sottoposto da tempo a una terapia stazionaria. Né nella struttura per giovani adulti né in detenzione di sicurezza è stato trattato il disturbo mentale dell’uomo.

Il Tribunale ha quindi stabilito un risarcimento di 100mila franchi per i quattro anni di misure "inadeguate" e per la custodia di sicurezza.

Nel 2015, è stato finalmente ricoverato per quattro anni per curare il suo disturbo. Ora vive in una struttura con assistenza nella regione di Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
11 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
13 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
15 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
15 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
16 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
17 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
18 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
18 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved