laRegione
02.04.22 - 13:46
Aggiornamento: 14:49

In caso di guerra, spazio aereo difeso per massimo un mese

Per il capo dell’esercito Thomas Süssli, ‘per una protezione adeguata dei cieli svizzeri, quattro aerei dovrebbe sempre essere in volo’

Ats, a cura de laRegione
in-caso-di-guerra-spazio-aereo-difeso-per-massimo-un-mese
Keystone
Il capo dell’esercito svizzero

Attualmente, nonostante quanto sta accadendo in Ucraina, la Svizzera non è direttamente minacciata. Tuttavia, in caso di problemi maggiori, la Confederazione potrebbe difendere il suo spazio aereo per un mese al massimo, spiega il capo dell’esercito, Thomas Süssli, alla Schweiz am Wochenende.

Frattanto, però, a causa del conflitto ucraino, la Svizzera ha potenziato le sue capacità cyber e la polizia aerea, aggiunge Süssli. A suo parere, per una difesa adeguata quattro jet da combattimento dovrebbero essere sempre in volo.

Anche con l’arrivo di 36 jet F-35 di fabbricazione americana – su cui pende un’iniziativa popolare contraria all’acquisto, ndr – la capacità del nostro Paese in fatto di difesa dello spazio aereo non supererebbe il mese. "Nel 2003, la capacità di difesa dell’esercito è stata rivista con un occhio alla qualità piuttosto che alla quantità".

Tuttavia, il capo dell’esercito si mostra rassicurante: "sulla Confederazione non pende al momento alcuna minaccia militare. Non ci sono segnali che vanno in questa direzione, anche se il rischio è più alto di prima. Considerazioni simili valgono anche per la minaccia nucleare".

L’adesione alla Nato non è un tema. Ma...

In merito ad un’eventuale adesione alla Nato, Süssli affermache tale scenario non è all’ordine del giorno, anche se la situazione è tesa. "Tuttavia, se la Svizzera fosse coinvolta in una guerra, i suoi obblighi di neutralità verrebbero meno e potrebbe, per esempio, collaborare con i Paesi vicini. Per questo è importante che i sistemi militari elvetici siano compatibili con quelli dei Paesi che ci circondano e che vengano organizzate esercitazioni comuni".

In merito a una cooperazione con l’Unione europea nel settore della sicurezza (Pesco), la Svizzera sta esaminando come sia possibile partecipare a progetti nel settore dell’aeronautica, dell’esercito e dell’innovazione. Circa la partecipazione alla sorveglianza aerea europea, per Süssli si tratta soprattutto di una questione politica. "Il problema della neutralità si pone infatti se un Paese con cui la Svizzera ha un accordo è coinvolto in un conflitto".

Donbass e Ucraina già osservati speciali prima del 24 febbraio

Per Süssli, "i servizi segreti e militari tenevano sotto osservazione il dispiegamento delle truppe russe ai confini con l’Ucraina già prima dell’invasione. Già il 12 febbraio si pensava che un attacco fosse imminente. Allora stimavamo ‘molto probabile’ che qualcosa sarebbe successo nel Donbass. Consideravamo invece ‘piuttosto improbabile’ che le truppe russe sarebbero avanzate verso Kiev. L’intelligence militare aveva concluso che le truppe russe in Bielorussia non avevano mezzi a sufficienza".

Dall’invasione, Süssli segue la situazione "molto da vicino", con informazioni quotidiane e messaggi che gli vengono recapitati, spesso da fonti di intelligence, mediante una messaggistica sicura. Si tiene anche aggiornato sull’andamento della guerra informandosi su Twitter e Telegram, dove ha trovato "fonti affidabili". Al giornale ha tuttavia ammesso che bisogna "essere prudenti". È in corso anche una guerra d’informazione e non si deve credere a tutto ciò che si legge.

Süssli invira poi a una riflessione su come la situazione possa cambiare rapidamente. In merito alle minacce, "quando sono entrato in carica nel gennaio 2020 pensavo che lo scenario più probabile fosse un blackout elettrico. Poi abbiamo avuto una pandemia, e ora una guerra in Europa".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
59 min
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved