laRegione
30.03.22 - 11:05
Aggiornamento: 15:44

Da Berna 21,8 milioni per proteggere i giovani migranti

Il credito sarà spalmato sul prossimo quadriennio e sarà destinato a migliorare la loro protezione e integrazione nei Paesi di origine

Ats, a cura de laRegione
da-berna-21-8-milioni-per-proteggere-i-giovani-migranti
Keystone

Per proteggere i milioni di bambini e giovani – circa 5 milioni all’anno – che migrano dall’Africa occidentale e settentrionale verso l’Europa in cerca di condizioni di vita migliori, il Consiglio federale ha deciso oggi di stanziare per i prossimi quattro anni 21,8 milioni di franchi.

Nell’ambito della sua politica estera in materia di migrazione, la Svizzera sostiene i Paesi di origine e di transito allo scopo di migliorare la protezione e l’integrazione dei migranti sul posto e, allo stesso tempo, per agire a lungo termine sulle cause della migrazione irregolare e degli sfollamenti forzati.

La migrazione all’interno del continente africano è un fenomeno marcato nella parte occidentale e settentrionale di questo continente. La povertà, la mancanza di prospettive economiche, i conflitti armati, il cambiamento climatico, ma anche le tradizioni e gli usi e costumi sociali, molto rigidi soprattutto per le ragazze, sono motivi frequenti che inducono le persone a lasciare il loro Paese.

La pandemia di coronavirus e le sue conseguenze sociali ed economiche hanno accentuato la pressione migratoria nella regione e reso ancora più pericolose le rotte seguite dalle e dai migranti.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, oltre 45 milioni di persone vivono al di fuori del loro Paese d’origine. Di questi, più di cinque milioni sono bambini e adolescenti – in parte non accompagnati – e quasi la metà sono ragazze e giovani donne, che spesso rischiano di essere vittime della tratta di esseri umani, di cadere nelle reti dei trafficanti di droga e di altre organizzazioni criminali, o di essere reclutate da organizzazioni estremiste legate al terrorismo.

La somma è destinata alla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (Dsc) e alla Segreteria di Stato della migrazione (Sem) che intendono avviare un progetto comune per migliorare le prospettive di vita di bambini e giovani volto, in particolare, a tutelare i loro diritti, proteggerli dagli abusi e dar loro la possibilità di accedere all’istruzione di base.

Contemporaneamente si vogliono creare opportunità affinché bambini e giovani possano integrarsi meglio nei loro Paesi e nelle loro regioni di origine e non intraprendano il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo per raggiungere l’Europa.

In una prima fase, il progetto si concentrerà su Tunisia, Marocco, Guinea, Mali e Niger. La maggior parte dei fondi è destinata all’assistenza e all’integrazione dei bambini e dei giovani nella regione. Circa il 26% sarà impiegato in Marocco e Tunisia, Paesi dai quali provengono tanti minorenni che giungono in Europa in modo irregolare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
16 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
17 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
17 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
19 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
19 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
19 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
19 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
19 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
23 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved