laRegione
26.03.22 - 13:37
Aggiornamento: 15:41

Nuovi appelli per il boicottaggio del gas russo

Per Andri Silberschmidt, vicepresidente del Plr, anche il suo partito sosterrebbe questa misura, caldeggiata da più parti

Ats, a cura de laRegione
nuovi-appelli-per-il-boicottaggio-del-gas-russo
Keystone
Il vicepresidente del Plr Andri Silberschmidt

Aumentano in Svizzera gli appelli per un boicottaggio del gas russo. Secondo uno dei vicepresidenti del Plr, Andri Silberschmidt, anche il suo partito sostiene la misura.

Se prendiamo davvero le cose seriamente, dobbiamo chiudere il rubinetto del gas di Putin, ha affermato il consigliere nazionale zurighese ieri sera nel corso della trasmissione Arena della Srf. Silberschmidt ha poi aggiunto che secondo il Plr, al presidente russo e ai suoi colleghi assassini non dovrebbe andare un solo franco.

Le sanzioni decise finora non hanno realmente danneggiato il leader del Cremlino, ha sostenuto Silberschmidt, per il quale le cose andrebbero diversamente se i pagamenti per il gas fossero bloccati. Il vicepresidente liberale-radicale ha motivato il ritardo nell’appoggiare la misura con il fatto che la Svizzera non può decidere da sola, dato che non importa materie prime direttamente dalla Russia. È una decisione che deve prendere l’Unione Europea, ha spiegato.

Anche i Verdi chiedono che la Svizzera smetta di importare petrolio e gas russi e lo hanno ribadito oggi per bocca del loro presidente, Balthasar Glättli, che si è espresso durante l’assemblea dei delegati a Ziegelbrücke (Gl).

Ieri, nel corso della prima riunione del Consiglio del partito, il Ps ha da parte sua chiesto in una risoluzione che la Svizzera si liberi al più presto dalla dipendenza dal petrolio e dal gas russi. L’Udc si è invece finora espressa contro le sanzioni alla Russia, interpretandole come un abbandono della neutralità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
6 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
8 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
8 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
8 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
9 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
13 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
16 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved