laRegione
12.02.22 - 15:21
Aggiornamento: 13.02.22 - 16:02

Plr, trovato un compromesso sul nucleare

A Montreux, i delegati optano per la via ‘diplomatica’ sul documento relativo al futuro dell’approvvigionamento energetico

Ats, a cura de laRegione
plr-trovato-un-compromesso-sul-nucleare
Keystone
Tante discussioni e alla fine la fumata bianca

Dopo un acceso dibattito sul futuro dell’approvvigionamento energetico, i delegati del Plr, riuniti a Montreux, hanno trovato un compromesso sul tema scottante del nucleare, approvando a larga maggioranza un documento – modificato – sul tema.

Un passaggio controverso sulla gestione futura delle centrali atomiche è stato cancellato dal documento. La frase incriminata prevedeva di ‘elaborare le condizioni per permettere in particolare la realizzazione di centrali nucleari di nuova generazione’. Questo emendamento, richiesto dalla Conferenza dei presidenti di partito, ha scongiurato la minaccia di una divisione interna sulla questione. La proposta originale elaborata dalla direzione del Plr ha suscitato una forte opposizione all’interno del partito, specialmente tra le donne.

Il Plr, stando alla nuova formulazione, non vuole che, per la realizzazione o sostituzione di centrali, vi siano divieti all’uso di nuove tecnologie e ciò affinché possa essere garantito un approvvigionamento stabile di energia – comprese energie verdi – alle generazioni future. Vanno quindi formulate le condizioni legali affinché, a lungo termine e se necessario, anche nuove tecnologie legate al nucleare possano dare, nel rispetto della sicurezza, il proprio contributo all’approvvigionamento del Paese.

Dopo un lungo dibattito, la maggioranza dei delegati si è detta soddisfatta di questa formulazione, adottando la risoluzione con 248 e una astensione.

Un secco no alla ‘Lex Netflix’

In mattinata, i delegati del Plr avevano pure deciso di opporsi a larga maggioranza alla cosiddetta ‘Lex Netflix’: per 275 voti a 53 e 10 astenuti hanno respinto la norma voluta dal parlamento che obbliga le piattaforme di streaming a investire il 4% del rispettivo reddito lordo generato in Svizzera nella produzione di film elvetici indipendenti.

Alla revisione della legge sul cinema si erano opposte – lanciando il referendum – le sezioni giovanili dell‘Udc, del Plr, dei Verdi liberali e anche diversi esponenti del Centro, i quali ritengono che la stessa ignori completamente il consumatore, oltre a introdurre un ’tassa sui film’. Il timore è che i servizi di streaming, a causa di questa nuova norma, aumentino i rispettivi prezzi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
6 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
9 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
9 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
9 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
11 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
11 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
12 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
14 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
14 ore
Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate
Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
© Regiopress, All rights reserved