laRegione
parmelin-non-vado-a-bruxelles-a-fare-il-boris-johnson
Parmelin (Keystone)
18.04.21 - 09:03
Ats, a cura de laRegione

Parmelin: 'Non vado a Bruxelles a fare il Boris Johnson'

"La Svizzera non vuole uscire da un accordo, bensì trovare una soluzione per svilupparlo" ha affermato il presidente della Confederazione

Nell'ambito dell'accordo quadro con l'Ue il presidente della Confederazione Guy Parmelin non andrà a Bruxelles per cercare di calcare le orme del premier britannico Boris Johnson, che in extremis era riuscito ad ottenere un'intesa sulla Brexit. "Le due situazioni non sono paragonabili", afferma il responsabile del Dipartimento federale dell'economia in un'intervista pubblicata oggi da Le Matin Dimanche. "La Svizzera non vuole uscire da un accordo, bensì trovare una soluzione per svilupparlo. E non è così che funzionano le cose in Svizzera. Siamo sette ministri uguali e io sono solo un primus inter pares. A un certo punto il Consiglio federale deve fare il punto della situazione con l'Ue. Poi potremo avere uno scambio con la presidente della Commissione europea. Ma non sarò io a fare il Boris Johnson a Bruxelles. I cittadini ne sono ben consapevoli".

"Il Consiglio federale continua le sue discussioni su questo argomento", prosegue Parmelin. "Quando sarà il momento, deciderà la sua posizione. Come presidente della Confederazione, sarò il portavoce di ciò che è stato convenuto e il 23 aprile andrò a Bruxelles". In agenda è previsto l'incontro con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. "Vedo che ci sono molti consiglieri politici, legali ed economici che mi dicono cosa fare: sono lusingato", ironizza il 61enne, che ribadisce l'intenzione di presentare l'opinione dell'insieme dell'esecutivo, nonostante il suo partito - l'Unione democratica di centro sia fermamente contrario all'accordo quadro. L'uomo politico vodese ricorda anche che il Consiglio federale riflette da tempo ad alternative, con lo scopo di preservare gli interessi economici del paese. E all'intervistatore che fa notare come in Svizzera si possa votare su tutto, anche sulle corna delle mucche, mentre non si sa se il popolo potrà dire la sua sulle relazione con l'Ue Parmelin taglia corto: "Si tratta di discussioni che devono ancora aver luogo".
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson bruxelles guy parmelin unione europea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
33 min
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Svizzera
52 min
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
1 ora
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
2 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
3 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
3 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
3 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
4 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
5 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
8 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
© Regiopress, All rights reserved