laRegione
17.02.21 - 18:00
Aggiornamento: 19:05

Usam: 'Atteggiamento esitante', Travail.Suisse, 'via giusta'

L'Unione svizzera arti e mestieri spinge per un allentamento immediato. L'organizzazione sindacale appoggia le misure ma chiede sostegno per i lavoratori

Ats, a cura de laRegione
usam-atteggiamento-esitante-travail-suisse-via-giusta
(Ti-Press)

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) critica la politica e l'atteggiamento "esitante" del Consiglio federale. In una dura presa di posizione, l'organizzazione ribadisce la sua richiesta di un allentamento immediato delle severe misure in vigore e la fine della "fallimentare strategia del lockdown". La confederazione sindacale Travail.Suisse, invece, accoglie con favore la via presentata oggi dal Consiglio federale per uscire dalla crisi. 

'Misure sproporzionate, allentamento immediato possibile'

Nonostante i numeri in calo e rischi di contagio non dimostrati, vengono mantenute misure sproporzionate, critica l'USAM in una nota inviata al termine della conferenza stampa del governo. I fatti e le cifre mostrano che un allentamento è possibile con effetto immediato.

Secondo l'organizzazione, a partire dal primo di marzo ci deve essere un'apertura completa accompagnata da misure di protezione mirate. Ad esempio, spiega l'USAM, più test, un'intensificazione della campagna di vaccinazione e del tracciamento dei contatti, così come un'applicazione coerente dei piani di protezione e una maggiore protezione delle persone particolarmente a rischio.

Per quanto riguarda i casi di rigore, l'associazione di categoria accoglie favorevolmente l'aumento da 2,5 a 10 miliardi di franchi, ma è dell'idea che bisogna fare il più in fretta possibile, correggendo lacune ed errori "per non peggiorare ulteriormente un danno già immenso". Secondo l'USAM, il regime dei casi di rigore è e rimane un grande cantiere con tempi troppo lunghi.

Per le aziende che hanno dovuto chiudere a causa delle restrizioni imposte dalle autorità, l'USAM esige l'applicazione del concetto "parzialmente chiuso = chiuso = indennizzo del fatturato", poiché esse sono private della libertà economica e devono dunque essere risarcite.

Suscita invece maggiore sollievo la prevista riapertura dei negozi, soprattutto alla luce dei dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), secondo il quale non si corre praticamente alcun rischio di infezione. Secondo l'USAM, ciò dovrebbe anche valere per i ristoranti e chiede pertanto al Consiglio federale di permettere anche al settore della ristorazione di riprendere le sue attività al più presto.

'Direzione giusta, ma necessario sostenere aziende e lavoratori'

Le proposte vanno "nella giusta direzione" - scrive l'associazione indipendente di lavoratori Travail.Suisse in una nota - poiché permettono riaperture dove il rischio di infezione è basso.

L'organizzazione sottolinea tuttavia l'importanza di sostenere i lavoratori e l'economia colpiti dalle chiusure per preservare i posti di lavoro. Il numero di casi non è ancora abbastanza basso per evitare che una riapertura più ampia porti a un aumento massiccio di nuove infezioni, rileva Travail.Suisse.

Per quest'ultima era però importante per la popolazione e l'economia che il Consiglio federale spiegasse chiaramente la sua strategia di uscita dalla crisi. Concetti di protezione, test e vaccini rimangono centrali nella lotta contro il coronavirus, afferma Travail.Suisse.

Positivo anche il riscontro per le nuove misure di aiuto economico annunciate, in particolare gli adeguamenti nel campo delle indennità per lavoro ridotto e l'innalzamento a 10 miliardi di franchi dei fondi per le imprese in gravi difficoltà.

Il Consiglio federale ha dato oggi una prospettiva che, insieme alle indennità per lavoro ridotto, dovrebbe permettere alle aziende di resistere e di non licenziare, afferma il presidente di Travail.Suisse Adrian Wüthrich, citato nella nota.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
54 min
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il Presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consigliere federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
12 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
12 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
13 ore
Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
17 ore
Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel
Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
1 gior
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
1 gior
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 gior
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
2 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
© Regiopress, All rights reserved