laRegione
mascherina-negli-spazi-pubblici-chiusi-il-70-e-favorevole
Solo il 41% delle persone interpellate intende farsi vaccinare (Ti-Press)
Svizzera
25.09.20 - 10:150

Mascherina negli spazi pubblici chiusi, il 70% è favorevole

Nella Svizzera italiana la percentuale di chi teme il contagio e le conseguenze economiche risulta più elevate che nelle altre regioni

Sette persone su dieci sono favorevoli all'obbligo di mascherine negli spazi pubblici chiusi e vorrebbero regole uniformi per tutta la Svizzera, ma solo il 41% intende farsi vaccinare appena possibile contro il Sars-CoV-2, secondo un nuovo sondaggio pubblicato oggi. Nella Svizzera italiana la percentuale di chi teme il contagio e le conseguenze economiche risulta più elevate che nelle altre regioni

Il sondaggio è realizzato a metà settembre su incarico della rivista ‘Migros Magazine’. Il 68% delle 1'031 persone intervistate nelle tre regioni linguistiche sostiene l'obbligo di portare una maschera negli spazi pubblici chiusi; a sud della Alpi addirittura l'80%. Il 67% è confuso dalle diverse regolamentazioni cantonali.

La percentuale di scettici per quanto riguarda la vaccinazione contro il nuovo coronavirus è estremamente elevata: solo il 41% a livello nazionale si è detto pronto a vaccinarsi non appena l'Ufficio federale della sanità pubblica rilascerà un'autorizzazione. Fra gli italofoni la percentuale scende al 36%.

Solo una persona su due ritiene che le autorità stiano agendo correttamente e in modo proporzionato e appena una su cinque stima che la crisi finirà presto. Il 20% - soprattutto uomini - pensa al contrario che la reazione sia stata eccessiva e per il 28% mette a rischio i diritti democratici. In Ticino, duramente colpito dalla pandemia, solo il 12% trova esagerata la risposta della autorità e il 27% pensa che la soluzione sia vicina.

La paura del contagio e delle conseguenze è avvertita dal 37% degli intervistati, ed è molto più marcata nella Svizzera latina (45% nella Svizzera italiana e 47% in Romandia). Le donne hanno più timori rispetto agli uomini e gli abitanti delle città più di quelli delle zone rurali.

A livello nazionale il 28% è colpito dalle conseguenze economiche della crisi o le teme, e anche in questo caso gli italofoni si piazzano al primo posto con un tasso del 40%, contro 36% in Romandia e 25% nella Svizzera tedesca. Il 36% degli intervistati, soprattutto persone con un alto livello di istruzione, ha l'opportunità di lavorare a domicilio. Le differenze regionali sono marcate anche in quest'ambito perché si va da 38% nelle regioni di lingua tedesca a 28% a sud della Alpi.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 gior
Coronavirus e sport, incontro mercoledì a Berna
La tavola rotonda è stata convocata dalla consigliera federale Viola Amherd a seguito della nuova situazione sanitaria
Svizzera
1 gior
Covid, fioccano le misure cantonali per contenere i contagi
Cantone per Cantone ecco i giri di vite decisi oggi da diversi Esecutivi cantonali. I Grigioni riattivano lo Stato maggiore di condotta
Svizzera
1 gior
'Serve una norma per regolare l'home office'
Lo sostiene l'Unione sindacale svizzera, secondo cui nel nostro paese esistono lacune su protezione della salute e materiale d'ufficio
Svizzera
1 gior
Coronavirus, 'Se non si agisce subito, sarà il collasso'
Secondo il capo della task force federale, a questo ritmo gli ospedali saranno pieni entro inizio novembre. Kuster: 'Messi peggio di tutti i paesi vicini'
Grafici
Svizzera
1 gior
Covid, superata soglia 6'500 casi. Un tampone su 4 positivo
In Svizzera nelle ultime 24 ore si sono registrati 6'634 nuovi contagi (tasso di positività al 26,5%), 117 nuovi ricoveri e 10 decessi
Svizzera
1 gior
Escursionista muore sul Grosser Mythen
Incidente in montagna nel Canton Svitto. A perdere la vita un 69enne recuperato dalla Rega
Svizzera
1 gior
La giornata della solidarietà permette di raccogliere 4 milioni
'La popolazione ha dato prova di grande generosità' per aiutare le persone colpite dalla pandemia nei paesi più poveri
Svizzera
1 gior
Sondaggio Ssr: prossime votazioni verso un doppio sì
Al voto ci sono due iniziative popolari: per vietare il finanziamento di materiale bellico e per imprese a tutela di persone e ambiente
Svizzera
1 gior
'Nuovo lockdown in Svizzera sempre più probabile'
Secondo il direttore del Centro di ricerca congiunturale del Eth, Jan-Egbert Sturm, un mini-confinamento sarebbe un'utopia
Svizzera
2 gior
Accordo quadro, Calmy-Rey: 'Non firmate, prendiamoci del tempo'
Secondo l'ex direttrice del dipartimento affari esteri l'accordo naufragherebbe di fronte al popolo. Prima bisogna quindi costruire un consenso interno
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile