laRegione
zurigo-tiene-d-occhio-i-rimpatri-da-paesi-a-rischio
Scesi dall'aereo, saliti sulla lista (Keystone)
Svizzera
05.08.20 - 16:360
Aggiornamento : 19:32

Zurigo tiene d'occhio i rimpatri da Paesi a rischio

I dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio vengono raccolti all'aeroporto dalla polizia aeroportuale

Il cantone di Zurigo riceve dalle compagnie aeree, all'aeroporto di Zurigo, i dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio. Secondo il capo del Dipartimento della sicurezza Mario Fehr (PS) questa collaborazione con le compagnie aeree è una "vera svolta".

L'obiettivo del provvedimento è di far rispettare la quarantena prescritta per tutte le persone provenienti da Paesi con un maggiore rischio di infezione da coronavirus. La quarantena di dieci giorni ha lo scopo di evitare un aumento esponenziale delle nuove infezioni.

I dati vengono raccolti dalla polizia aeroportuale, che fa parte della cantonale, ha spiegato Fehr durante una conferenza stampa oggi pomeriggio all'aeroscalo zurighese.

Gli agenti ritirano presso la compagnia aerea i moduli di contatto che ogni passeggero interessato deve compilare. Chi risiede nel cantone di Zurigo viene poi registrato elettronicamente. Le informazioni vengono trasmesse al team di contact-tracing della direzione sanitaria.

"I dati non vengono mai inseriti nel sistema di polizia", ha sottolineato il comandante della cantonale, Bruno Keller. Misure di polizia vengono adottate solo nel caso in cui si riceva una segnalazione di sospetta scorrettezza, proveniente dalla direzione sanitaria o da vicini o da supervisori.

Grazie a questi dati, la direzione sanitaria può confrontare quanti viaggiatori provenienti da Paesi a rischio si sono registrati come prescritto e quanti sono effettivamente arrivati. Secondo il capo della polizia Keller, finora sono arrivate a Zurigo 8600 persone provenienti da Paesi a rischio, di cui circa il 15% vive nel cantone.

Secondo la direttiva chi entra in Svizzera proveniente da Paesi definiti dalla Confederazione a rischio o con elevato rischio di infezione da coronavirus deve mettersi immediatamente in quarantena, inoltre entro due giorni deve annunciarsi presso la direzione della sanità. Le infrazioni possono comportare una multa di 10'000 franchi.

Le autorità federali hanno conferito al cantone di Zurigo il compito di far rispettare la quarantena. "Ed è quello che stiamo facendo", ha detto Fehr. "Faremo tutto il possibile affinché le persone che tornano da Paesi a rischio si mettano in quarantena". A tale scopo il Cantone ha bisogno degli elenchi dei passeggeri: non si può contare unicamente sull'onestà dei viaggiatori che rientrano, ha aggiunto Fehr.

Il cantone di Zurigo è "forte nell'esecuzione" e vuole essere credibile, ha spiegato il direttore della sicurezza. "Le persone che si recano nei Paesi a rischio devono sapere che nel cantone di Zurigo devono stare in quarantena", ha detto. "Forse riconsidereranno il loro comportamento in materia di viaggio".

L'esperienza pratica del Cantone mostra che la maggiore minaccia per la popolazione per quanto riguarda il coronavirus sono le persone provenienti da Paesi a rischio.

Il cantone di Zurigo è pronto a farsi carico della registrazione dei passeggeri anche per gli altri Cantoni, ha sottolineato il direttore della sicurezza. Tuttavia, questi Cantoni devono rivolgersi alle compagnie aeree.

 
 

 

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
40 min
Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte
Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
1 ora
Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette
Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
3 ore
Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi
Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
17 ore
Grave incidente stradale a Lucerna, diversi feriti
L'incidente è avvenuto verso le 17.30 sulla K10 nel tratto tra Schachen e Malters. Sono intervenute diverse ambulanze e un elicottero di soccorso
Camere federali
18 ore
Finanziamento dei partiti: l'anonimato batte la trasparenza
Controprogetto light sull'iniziativa per costringere i partiti a pubblicare il nome dei grandi donatori affossato al Consiglio Nazionale. Parla Martin Hilti
Svizzera
1 gior
Svizzera, i dati Covid del weekend comunicati solo il lunedì
Cambio di prassi all'Ufficio federale della sanità pubblica: 'Nel fine settimana le cifre non forniscono un quadro chiaro'
Svizzera
1 gior
Coronavirus, in Svizzera 530 casi, 18 ricoveri e 7 decessi
È da mesi che non si registravano due giorni consecutivi con così tanti morti a causa del Covid-19. Tasso tamponi/positivi del 3,4%
Svizzera
1 gior
Covid-19: vaccino facoltativo per la metà degli svizzeri
Il vaccino facoltativo è accolto bene soprattutto nella Svizzera tedesca, con il 51,2% contro il 43,9% del Ticino e della Romandia.
Svizzera
1 gior
Dopo lo shock del virus esportazioni in ripresa ad agosto
L'export elvetico cresce per il terzo mese consecutivo superando per la prima volta da marzo la soglia dei 18 miliardi di franchi.
Svizzera
1 gior
Secondo consigliere elvetico in quarantena a causa del figlio
La consigliera degli Stati giurassiana Elisabeth Baume-Schneider, che sta bene, è in isolamento con la sua famiglia.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile