laRegione
17.06.20 - 12:53
Aggiornamento: 16:55

Oltre 80 bambini abusati, pedofilo svizzero condannato

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a 16 anni di un 76enne pedofilo attivo in Thailandia per più di un decennio

oltre-80-bambini-abusati-pedofilo-svizzero-condannato
La maggior parte dei fatti sono avvenuti nella città di Pattaya tra il 2002 e il 2013 (Keystone)

Un pedofilo svizzero accusato di aver abusato sessualmente di oltre 80 bambini e ragazzi adolescenti in Thailandia è stato condannato in via definitiva a 16 anni di prigione. Il Tribunale federale (TF) ha confermato una sentenza del Tribunale penale della Gruyère (FR) e l'ha riconosciuto colpevole di tratta di esseri umani, atti sessuali con fanciulli, coazione sessuale e pornografia. Il ricorso dell'uomo è stato respinto.

Il 76enne pedofilo aveva in un primo tempo fatto appello davanti al Tribunale cantonale friburghese contro la sentenza di primo grado e poi si era rivolto al TF. Chiedeva una riduzione della pena a 6 anni, mettendo in dubbio il metodo utilizzato dagli inquirenti per stabilire il numero e l'età delle vittime. Nel suo ricorso, inoltre, affermava che la giustizia thailandese era al corrente dei fatti che gli erano rimproverati in Svizzera e aveva rinunciato a perseguirlo penalmente in un procedimento avviato nel 2014.

Secondo il Tribunale federale, invece i fatti e la colpevolezza del 76enne sono "molto gravi". I giudici losannesi ricordano inoltre che il reato di tratta di essere umani avrebbe potuto essere sanzionato con una pena fino a 20 anni di reclusione.

Stando al TF, considerata la non collaborazione dell'imputato durante l'inchiesta, all'uomo sarebbe dovuta essere inflitta una pena di 12 anni al minimo. Con gli altri capi d'accusa la condanna a 16 anni è giustificata.

Fatti 'estremamente gravi'

Sebbene, come afferma l'uomo, tale pena equivale a una condanna a vita, il verdetto della giustizia friburghese è proporzionata ai fatti "estremamente gravi" commessi, ha spiegato il TF.

L'uomo ha trattato le vittime come merce e come giocattoli sessuali. I giudici hanno inoltre ritenuto alto il pericolo di recidiva. Hanno pure sottolineato la sua assenza di rimorsi e il tentativo di diffamare le vittime.

Solo sette di loro sono state identificate e soltanto tre sono state rappresentate da avvocati a questo processo. Una di esse figura in 300 immagini pornografiche ed è stata sottoposta ad abusi di diverso genere dai 10 ai 21 anni.

La maggior parte dei fatti oggetto del processo sono avvenuti tra il 2002 e il 2013. Il 76enne invitava ragazzi poveri nella piscina di sua proprietà, lanciava loro monete e li esortava ad assumere pose oscene per foto e video. Poi li spingeva ad atti sessuali tra loro, con lui stesso o ancora con clienti europei del suo bar per omosessuali a Pattaya, che disponeva di camere ai piani superiori. Un buon numero delle sue prede erano adolescenti, ma c'erano anche bambini di 10 anni. Alcuni hanno subito abusi per un lungo periodo, a volte un decennio.

Già condannato

L'uomo era già stato condannato per aver praticato sesso con minori nel 1980 nel canton Friburgo e nel 1991 in Vallese, prima di trasferirsi nel Paese del sud-est asiatico. Rintracciato in Thailandia, era stato ricondotto in Svizzera per scontare la pena. Era però ripartito per il "Paese dei sorrisi" nel 1996.

Nel novembre 2014, per timore di un procedimento della giustizia francese, era ripartito alla volta della Svizzera e aveva preso domicilio a Bulle (FR), dove è anche riuscito abusivamente a farsi versare prestazioni complementari dall'AVS. Ha tuttavia attirato ugualmente l'attenzione della polizia e della magistratura, che nel febbraio 2015 lo ha fatto arrestare nella cittadina friburghese e lo ha poi rinviato a giudizio per gli atti commessi in Thailandia.

In questo Paese lo svizzero aveva creato un sistema di dipendenza, nel quale i genitori dei giovani malcapitati lavoravano per lui. Fungeva anche da "mediatore", consegnando le proprie vittime ad altri pedofili europei, che a loro volta finanziavano ai ragazzi per esempio scuola e dentista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina/1
1 ora
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
15 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
16 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
18 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
18 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
19 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
20 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
20 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
22 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
23 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
© Regiopress, All rights reserved