laRegione
foto Keystone
Svizzera
22.01.20 - 12:290

Virus Cina, la Svizzera seguirà le raccomandazioni Oms

Per l'Ufficio federale della sanità pubblica eventuali provvedimenti dipendono dagli sviluppi della situazione, costantemente monitorata

Per ora le autorità sanitarie federali e gli aeroporti svizzeri non hanno adottato misure specifiche in merito al coronavirus che ha infettato alcune centinaia di persone, soprattutto in Cina.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), interpellato da Keystone-Ats, spiega che eventuali provvedimenti dipendono dagli sviluppi della situazione, che vengono costantemente monitorati.

Berna si attiene prima di tutto alle raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che proprio oggi, dalle 12, tiene una riunione di crisi a Ginevra. Per gli esperti dell'Oms si tratta di accertare se il nuovo coronavirus (2019-nCoV) "rappresenti un'emergenza di salute pubblica di livello internazionale e quali raccomandazioni dovrebbero essere fatte per fronteggiarla", si legge in una nota della stessa Oms diramata l'altro ieri.

L'Ufsp comunque deciderà autonomamente dall'Oms sul da farsi, "in funzione di quanto è ragionevole e giusto per la Svizzera", ha riferito un portavoce. L'Ufficio aggiorna costantemente le proprie informazioni sul virus sul proprio sito internet, ma solo in tedesco e francese.

Premature misure negli aeroporti

Per l'Ufsp, misure negli aeroporti come quelle adottate da diversi scali nel sudest asiatico sono premature. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ritiene attualmente limitato il rischio di introduzione del virus agli aeroporti di Londra, Parigi e Roma, i soli tre scali europei con collegamenti diretti con la metropoli cinese di Wuhan, focolaio iniziale del virus, fa notare l'Ufsp.

Intanto però il Regno Unito introduce controlli "precauzionali" in aeroporto, riferisce la Bbc anticipando l'annuncio del ministro della sanità, Matt Hancock, di fronte al parlamento. I controlli riguarderanno in particolare i passeggeri dei tre voli settimanali che collegano Wuhan con l'aeroporto londinese di Heathrow.

Le misure preparate da Hancock prevedono la presenza di team medici specializzati all'arrivo di ogni aereo da Wuhan, l'indicazione per l'atterraggio e lo sbarco di un'area isolata del terminal 4, la diffusione nello scalo di annunci informativi e volantini sulle precauzioni da seguire.

In Svizzera gli scali internazionale di Zurigo e Ginevra attendono raccomandazioni dell'Ufsp: per ora non hanno adottato alcun provvedimento particolare per proteggere viaggiatori e dipendenti dal coronavirus, hanno indicato a Keystone-Ats dei portavoce.

TOP NEWS Svizzera
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile