laRegione
Tennis
24.11.20 - 16:19

Australian Open dal 18 gennaio? Molto improbabile

L'obbligo di quarantena di due settimane per chi entra nel paese e la reticenza delle autorità locali mettono in seria difficoltà gli organizzatori

Ats, a cura de laRegione
australian-open-dal-18-gennaio-molto-improbabile

Nel calendario del tennis, il 18 gennaio sarebbe la data d'inizio degli Australian Open, prima tappa del Grande slam, uno dei primi appuntamenti della stagione 2021. Al momento, però, pensare che a Melbourne si possa giocare regolarmente alle date previste è irrealistico. Quarantena, diritti televisivi e calendario pongono seri problemi agli organizzatori.

La scorsa edizione fu a lungo messa in discussione dai devastanti incendi attorno a Melbourne, metropoli da cinque milioni di abitanti. Fino a due settimane fa, tutto sembrava abbastanza definito: i giocatori sarebbero arrivati in città a metà dicembre, avrebbero trascorso in un albergo le due settimane di quarantena imposte dal protocollo sanitario, con allenamenti naturalmente permessi, avrebbero preso parte a uno o due tornei di preparazione, per poi essere pronti il 18 gennaio per l'appuntamento con lo Slam che lancia la stagione.

La politica però frena

Gli organizzatori non hanno però fatto bene i conti con la politica. Daniel Andrews, primo ministro dello stato di Victoria, si è detto allarmato dalla situazione sanitaria e dall'elevato numero di contagi in Europa e negli Stati Uniti, mentre in Australia la situazione sembra essere sotto controllo. La priorità di Andrews è permettere il rimpatrio prima di Natale  degli australiani all'estero. Solo in un secondo tempo si sarebbero aperte le porte ai tennisti, in gennaio. Il numero elevato di persone, un migliaio, e l'obbligo di quarantena di due settimane, rendo pressoché impossibile che il torneo possa cominciare il 18 gennaio.

Fresco di titolo alle Atp Finals di Londra, Daniil Medvedev, è stato chiaro: «Non è pensabile che restiamo due settimane senza allenamenti appena prima di affrontare un torneo di due settimane sui cinque set. Pochi accetterebbero di farlo e sarebbe pericoloso per la salute». Nuocerebbe anche alla preparazione per la stagione, alla quale i tennisti lavorano duramente in dicembre. Ecco perché uno slittamento del torneo a febbraio o addirittura a marzo è un'opzione di cui tenere conto. se non fosse che, naturalmente, ci sono un paio di grossi ostacoli da sormontare. L'emittente televisiva Nine, che ha acquistato i diritti nel 2018 per cinque anni investendo 200 milioni di franchi, puntano a mantenere le date di gennaio, pena un cospicuo risarcimento. Gennaio in Australia fa rima con vacanze estive: è il mese in cui le emittenti televisive lanciano gli spot per le nuove serie in arrivo a partire da febbraio. Dal punto di vista della promozione, gli Australian Open rappresentano la piattaforma ideale.

Calendari in via di definizione

 

Il secondo problema è rappresentato dai calendari Atp e Wta, assai fitti. In febbraio trovano posto molti tornei, tra i quali alcuni 500 e appuntamenti pesanti quali Rotterdam, Dubai e Doha. Marzo ospita Indian Wells e Miami. Va però detto che a fronte dell'emergenza sanitaria, ancora non sono stati stilati. Ragion per la quale, la questione resta aperta. Le autorità competenti sono quelle dello stato federale di Victoria, i contatti con i vertici del tennis sono fitti, ma ancora una decisione non è stata presa, benché il tempo stringa.

Piuttosto discordanti anche i pareri dei grandi del tennis. Rafael Nadal ha detto che non spetta ai giocatori dire alle autorità locali come comportarsi. Spetta a loro dire cosa sia meglio per la popolazione locale. Noi non possiamo che essere flessibili e pazienti. Dal canto suo, Novak djokovoic di pazienza ne ha meno e ha invitato gli organizzatori a fare un'eccezione per i tennisti. L'opinione di Roger Federer, che sta preparando il rientro proprio agli Australian Open, non è nota.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Basket
3 min
Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare
Al via il Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
Calcio
8 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
23 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
1 gior
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
1 gior
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
© Regiopress, All rights reserved