laRegione
australian-open-dal-18-gennaio-molto-improbabile
Tennis
24.11.20 - 16:190

Australian Open dal 18 gennaio? Molto improbabile

L'obbligo di quarantena di due settimane per chi entra nel paese e la reticenza delle autorità locali mettono in seria difficoltà gli organizzatori

Nel calendario del tennis, il 18 gennaio sarebbe la data d'inizio degli Australian Open, prima tappa del Grande slam, uno dei primi appuntamenti della stagione 2021. Al momento, però, pensare che a Melbourne si possa giocare regolarmente alle date previste è irrealistico. Quarantena, diritti televisivi e calendario pongono seri problemi agli organizzatori.

La scorsa edizione fu a lungo messa in discussione dai devastanti incendi attorno a Melbourne, metropoli da cinque milioni di abitanti. Fino a due settimane fa, tutto sembrava abbastanza definito: i giocatori sarebbero arrivati in città a metà dicembre, avrebbero trascorso in un albergo le due settimane di quarantena imposte dal protocollo sanitario, con allenamenti naturalmente permessi, avrebbero preso parte a uno o due tornei di preparazione, per poi essere pronti il 18 gennaio per l'appuntamento con lo Slam che lancia la stagione.

La politica però frena

Gli organizzatori non hanno però fatto bene i conti con la politica. Daniel Andrews, primo ministro dello stato di Victoria, si è detto allarmato dalla situazione sanitaria e dall'elevato numero di contagi in Europa e negli Stati Uniti, mentre in Australia la situazione sembra essere sotto controllo. La priorità di Andrews è permettere il rimpatrio prima di Natale  degli australiani all'estero. Solo in un secondo tempo si sarebbero aperte le porte ai tennisti, in gennaio. Il numero elevato di persone, un migliaio, e l'obbligo di quarantena di due settimane, rendo pressoché impossibile che il torneo possa cominciare il 18 gennaio.

Fresco di titolo alle Atp Finals di Londra, Daniil Medvedev, è stato chiaro: «Non è pensabile che restiamo due settimane senza allenamenti appena prima di affrontare un torneo di due settimane sui cinque set. Pochi accetterebbero di farlo e sarebbe pericoloso per la salute». Nuocerebbe anche alla preparazione per la stagione, alla quale i tennisti lavorano duramente in dicembre. Ecco perché uno slittamento del torneo a febbraio o addirittura a marzo è un'opzione di cui tenere conto. se non fosse che, naturalmente, ci sono un paio di grossi ostacoli da sormontare. L'emittente televisiva Nine, che ha acquistato i diritti nel 2018 per cinque anni investendo 200 milioni di franchi, puntano a mantenere le date di gennaio, pena un cospicuo risarcimento. Gennaio in Australia fa rima con vacanze estive: è il mese in cui le emittenti televisive lanciano gli spot per le nuove serie in arrivo a partire da febbraio. Dal punto di vista della promozione, gli Australian Open rappresentano la piattaforma ideale.

Calendari in via di definizione

 

Il secondo problema è rappresentato dai calendari Atp e Wta, assai fitti. In febbraio trovano posto molti tornei, tra i quali alcuni 500 e appuntamenti pesanti quali Rotterdam, Dubai e Doha. Marzo ospita Indian Wells e Miami. Va però detto che a fronte dell'emergenza sanitaria, ancora non sono stati stilati. Ragion per la quale, la questione resta aperta. Le autorità competenti sono quelle dello stato federale di Victoria, i contatti con i vertici del tennis sono fitti, ma ancora una decisione non è stata presa, benché il tempo stringa.

Piuttosto discordanti anche i pareri dei grandi del tennis. Rafael Nadal ha detto che non spetta ai giocatori dire alle autorità locali come comportarsi. Spetta a loro dire cosa sia meglio per la popolazione locale. Noi non possiamo che essere flessibili e pazienti. Dal canto suo, Novak djokovoic di pazienza ne ha meno e ha invitato gli organizzatori a fare un'eccezione per i tennisti. L'opinione di Roger Federer, che sta preparando il rientro proprio agli Australian Open, non è nota.

TENNIS: Risultati e classifiche

TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
3 ore
Fasel e l'abbraccio a Lukashenko: ‘Preso alla sprovvista’
L'elvetico presidente dell'Iihf ha svelato i retroscena dell'incontro con il leader bielorusso e spiegato che per i Mondiali 'c'è un piano B da ottobre'.
Motori
5 ore
La Dakar si chiude con l'ennesimo lutto: morto Cherpin
Durante l'ultima tappa che ha incoronato Benavides nelle moto e Peterhansel nelle auto è giunta la notizia del decesso (il 76esimo) del centauro francese
Hockey
5 ore
Josi nella storia: è il più prolifico elvetico in Nhl
Fornendo un assist nel successo 3-1 di Nashville contro Columbus il difensore bernese ha toccato quota 450 punti e ha così superato Mark Streit
l'intervista
10 ore
Il virus mette i giovani in panchina, è un'adolescenza al contrario
Contro la pandemia, divieto di fare sport per i maggiori di 16 anni. Quali gli effetti sui ragazzi? Intervista allo psicologo e psicoterapeuta Giona Morinini
Hockey
18 ore
Bobby Sanguinetti si ritira: l'annuncio sul web
L'ex difensore del Lugano sceglie Instagram per comunicare la sua scelta. A soli 32 anni, "dopo aver avuto del tempo per riflettere"
BASKET
18 ore
La conferma di Brooklyn: Harden ha firmato
Si è consumato il divorzio fra il miglior realizzatore dell'Nba e gli Houston Rockets. I quali, però, gli rendono omaggio. "Gli saremo per sempre grati"
MOTOCICLISMO
19 ore
Marquez morde il freno: 'Evoluzione soddisfacente'
Migliorano le condizioni del pilota iberico della Honda, che punta al rientro in pista per le prime date del Motomondiale, dopo l'infezione a un braccio
Hockey
23 ore
Villa e Zanetti, la scelta verde del Lugano
Per far fonte all'emergenza in difesa Pelletier punta sui giovani. Dopo Ugazzi, altri Juniores pronti a fare il loro esordio in National League
Sci alpino
23 ore
Camille Rast: ‘La mia carriera inizia adesso’
La 21enne vallesana, sesta a Flachau con il pettolare 57, ha forse superato il lungo riadattamento allo sci dopo un crac al ginocchio e la mononucleosi
FORMULA 1
1 gior
Charles Leclerc positivo al Covid-19
Il monegasco della Ferrari ha sintomi lievi e si trova in isolamento al suo domicilio di Montecarlo. È il quinto polita colpito dal coronavirus
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile