laRegione
hockey
15.10.22 - 22:08

Uno spento Lugano viene sconfitto nettamente a Langnau

Nell’Emmental il Lugano sprofonda con un risultato tennistico dopo una partita anonima, incassando la quarta sconfitta consecutiva

di Giuliano Balmelli
uno-spento-lugano-viene-sconfitto-nettamente-a-langnau
Michaelis firma il 2-0, da lì in avanti per i bianconeri la situazione non farà che precipitare

Ancora alla ricerca dei primi punti sotto la guida di Gianinazzi, il Lugano scende in pista nuovamente con Schlegel fra i pali ma con i terzetti d’attacco rimescolati. Spiccano le promozioni in prima linea di Zanetti e di Bennett; torna in formazione inoltre Werder come tredicesimo attaccante.

Dopo nemmeno tre giri di orologio la partita si fa subito in salita per i bianconeri, che si vede infliggere una doppia penalità: Herburger commette fallo e in situazione di penalità differita Gerber va a sgambettare un altro avversario. In situazione di 5 contro 3 Schlegel prova a metterci una pezza sfoderando due grandi interventi ma deve infine capitolare. L’azione è iniziata da Saarijärvi che dall’angolo va a servire capitan Pesonen, il cui potente tiro buca la gabbia luganese per l’1-0. Al decimo nuova percussione locale in ripartenza, ma sul tiro di Saarela Schlegel è attento. In seguito dopo una grandissima occasione per Grossniklaus, Diem e Werder vengono alle mani e ricevono entrambi due minuti di penalità. Sul finale di periodo sono i Tigrotti a colpire di nuovo con il tedesco Michaelis, lasciato colpevolmente solo.

Per la prima annotazione del secondo tempo occorre attendere quasi cinque minuti, quando il Lugano guadagna una superiorità numerica, ma gli ospiti non si sbloccano malgrado un paio di conclusioni con conseguente mischia davanti a Boltshauser. Il momento di pressione dei sottocenerini viene poi fermato da un nuovo sgambetto fischiato a Herburger. E sugli sviluppi del powerplay il Langnau trova la terza marcatura grazie a Flavio Schmutz con un preciso polsino che si infila sotto l’incrocio alla sinistra di Schlegel. Il Lugano non c’è più capitola di nuovo al 34’57’’, in goal nuovamente Michaelis ancora in superiorità numerica. La partita di Schlegel finisce in questo momento, al suo posto entra Fatton. Il nuovo entrato deve poi inchinarsi a sua volta: Pesonen devia in rete il disco del 5-0 poco più tardi. La penalità di partita inflitta a Werder per un brutto intervento alla balaustra su Lapinskis va a chiudere un mesto periodo centrale.

Nel terzo tempo la partita non ha più nulla da dire, ma il Langnau trova comunque la sesta segnatura grazie a Saarela. Sul finale la rete della bandiera di Giovanni Morini serve solamente a cancellare lo shutout a Boltshauser.

Langnau – Lugano (2-0 3-0 1-1) 6-1
Reti: 5’19’’ Pesonen (Michaelis, Saarijärvi/esp. Herbuger e Jeremi Gerber) 1-0. 17’43’’ Michaelis (Pesonen) 2-0. 28’43’’ Schmutz (Huguenin, Lepistö/esp Herburger) 3-0. 34’57’’ Michaelis (Saarela/esp. Ugazzi) 4-0. 36’43’’ Pesonen (Saarela, Saarijärvi / esp. Grandlund) 5-0. 42’05’’ Saarela (Michaelis, Saarijärvi / esp. Werder) 6-0. 55’06’’ Morini (Fazzini) 6-1.
Langnau: Boltshauser; Lepistö, Zryd; Saarijärvi, Grossniklaus; Huguenin, Schilt; Erni; Lapinskis, Michaelis, Pesonen; Rohrbach, Schmutz, Saarela; Sturny, Diem, Douay; Berger, Neuenschwander Aeschlimann; Weibel.
Lugano: Schlegel (dal 34’57’’ Fatton); Alatalo, Mirco Müller; Kaski, Riva; Bernd Wolf, Guerra; Ugazzi; Zanetti, Grandlund, Bennett; Connolly, Arcobello, Morini; Fazzini, Thürkauf, Josephs; Vedova, Herburger, Gerber.
Arbitri: Mollard, Kaukokari (Fin); Thomas Wolf, Gurtner.
Note: 4689 spettatori. Penalità 5 x 2’ contro il Langnau; 6 x 2’ + 1 x 5’ e penalità di partita (Werder al 38’11’’) contro il Lugano. Tiri: 33-42 (15-10, 13-15, 4-17). Langnau privo di Petrini, Salzgeber (infortunati), Cadonau (in sovrannumero) e Guggenheim (juniores). Lugano senza Carr, Marco Müller, Andersson, Patry, Walker (tutti infortunati), Koskinen (ammalato), Stoffel e Cortiana (in sovrannumero). Premiati a fine partita quali migliori giocatori in pista Harri Pesonen e Marco Zanetti.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
4 ore
Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’
Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
5 ore
Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi
Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
5 ore
Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie
I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
7 ore
Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada
Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
8 ore
Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby
Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
9 ore
‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’
Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
10 ore
La pazienza è la virtù dei forti
Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
Basket
11 ore
Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare
Al via un Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha in campo ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
Calcio
20 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
1 gior
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
© Regiopress, All rights reserved