laRegione
13.04.21 - 22:10
Aggiornamento: 23:17

Buona la prima per il Lugano: steso il Rapperswil

I bianconeri iniziano con il piede giusto la serie dei quarti di finale con i sangallesi, superati alla Cornèr Arena per 6-2

buona-la-prima-per-il-lugano-steso-il-rapperswil
Chi ben comincia è a metà dell'opera (Ti-Press/Crinari)
+5

È un Lugano a trazione anteriore quello che si presenta in pista per il primo tempo di gara 1 dei quarti di finale con il Rapperswil. Gli uomini di Pelletier iniziano pigiando sa subito sull'acceleratore e partorendo subito in entrata un paio di buone occasioni. I sangallesi, diretti dall'assistente Niklas Gällstedt vista l'assenza di Tomlinson, si salvano anche alla bell'e meglio. Ma finiscono ben presto col capitolare: al 3'54" Suri in backhand infila il disco fra i gambali di Nyffeler inaugurando le danze alla Cornèr Arena. Subito dopo, in rapida successione, i bianconeri si procurano diverse altre occasioni per il possibile raddoppio, prima con Fazzini, poi con Bertaggia e infine con Arcobello, che dopo aver soffiato il disco a centro pista a Wetter punta dritto sul portiere avversario, che però vince il duello personale. Ma quando Fazzini si fa espellere, il Rapperswil non perdona: il pareggio arriva a firma di Schweri, che insacca un rebound concesso da Schlegel su tiro di Lehmann. In chiusura della prima frazione Bürgler trova nello slot Arcobello, ma il topscorer del Lugano è forse troppo sotto porta per convergere a rete. Il primo tempo si chiude così in perfetta parità: 1-1.

Cervenka costretto a gettare la spugna

Il secondo tempo si apre con un colpo di scena: il Rapperswil si ripresenta infatti sul ghiaccio orfano del suo casco giallo Cervenka, tolto di scena da una discata di Welliner nel finale del primo periodo. E con il loro fuoriclasse k.o., i sangallesi faticano a ritrovare una manovra sufficientemente efficace per contrastare la manovra del Lugano. Che, però, non spinge come aveva fatto nei venti minuti iniziali. Ma quanto basta per ritrovare il vantaggio grazie a un'astuzia di Lajunen, che al 22'59", col Lugano in superiorità numerica (espulso Scheidegger) sorprende Nyffeler da posizione angolata. Poi il ritmo della partita cala sensibilmente, e le due squadre non producono più grandi cose, con i padroni di casa che sembrano più intenti a controllare che colpire, e gli ospiti ridimensionati dall'improvvisa defezione di Cervenka.

Loeffel in entrata di terzo tempo porta a due le lunghezze di vantaggio per il Lugano con un tiro al volo preciso su passaggio di Fazzini, ma appena nove secondi dopo Profico riporta sotto i suoi. Ma il pirotecnico avvio di terzo tempo regala subito dopo un'altro gol: lo segna Bürgler, che riporta il Lugano avanti di due reti: 4-2. A quel punto gli uomini di Serge Pelletier cercano anche la quinta segnatura, quella che con tutta probabilità metterebbe la parola fine all'incontro, mettendo sotto assedio la porta presidiata da Nyffeler. Tanta insistenza porta però a un eccessivo sbilanciamento dell'assetto della squadra, con il Rapperswil che a sua volta sfiora la rete. Il punteggio però non cambia, né su un fronte né sull'altro. Fino al 52'25" quando Fazzini, con un rapido polsino mette alle spalle del portiere dei sangallesi il quinto disco della serata. Quello della sicurezza per i bianconeri, che blindano così gara 1. Nel finale c'è gloria anche per Zangger, che al 55'25" sigla la rete del definitivo 6-2.

Lugano - Rapperswil (1-1 1-0 4-1) 6-2

Reti: 3'54" Suri (Walker) 1-0. 10'29" Schweri (Lehmann, Eggenberger/esp. Fazzini) 1-1. 22'59" Lajunen (Arcobello, Bürgler/esp. Scheidegger) 2-1. 41'54" Loeffel (Lammer, Fazzini) 3-1. 42'03" Profico 3-2. 42'43" Bürgler (Arcobello, Chiesa) 4-2. 52'25" Fazzini (Bertaggia, Sannitz) 5-2. 55'40" Zangger (Sannitz, Morini) 6-2.

Lugano: Niklas Schlegel; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Riva; Walker, Lajunen, Suri; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Herburger, Lammer; Morini, Sannitz, Bertaggia; Zangger.

Rapperswil: Nyffeler; Egli, Randegger; Vukovic, Jelovac; Staric, Maier; Scheidegger, Dufner; Clark, Cervenka, Moses; Lehmann, Rowe, Eggenberger; Schweri, Profico, Wick; Forrer, Wetter, Loosli.

Arbitri: Wiegand, Tscherrig; Dominik Schlegel, Burgy.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2' contro il Rapperswil. Tiri in porta: 40-26 (17-7, 8-10, 15-9). Lugano senza Traber (infortunato), Antonietti, Brennan, Haussener, Josephs, Romanenghi e Vedova (soprannumero); Rapperswil privo di Dünner, Lhotk, Payr (infortunati), Ness e Rehak (soprannumero). Dal secondo tempo Rapperswil senza Cervenka. Premiati quali migliori in pista Jani Lajunen e Andrew Rowe.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10388
2
LucHC Lions
10262
3
Sparta Becherovka
9991
4
TrigoAce1
9890
5
FHM2223
9869
6
thibault_gav
9824
7
Team Belozoglu
9817
8
HC Kaski Male
9765
9
Team7
9706
10
Poitu
9630
TOP NEWS Sport
Tennis
1 ora
L’esempio di Ashe, trent’anni dopo
Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
7 ore
L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’
Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
8 ore
Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto
Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
11 ore
A Lugano era pazienza, adesso è competizione
I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
11 ore
Sam, domenica di festa condita da un successo
Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
12 ore
Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano
Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
12 ore
A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi
I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
13 ore
Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo
A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
14 ore
Bellinzona ancora senza identità
I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
16 ore
Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto
L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
© Regiopress, All rights reserved