laRegione
28.01.21 - 17:36
Aggiornamento: 17:57

Più stranieri nel campionato svizzero? ‘No grazie’

Il 90 per cento degli intervistati in un sondaggio voluto dall'Associazione dei giocatori si dice contraria alla ventilata riforma da parte dei club

piu-stranieri-nel-campionato-svizzero-no-grazie
'Per un buon hockey e una lega equilibrata giù le mani dalla riforma', si legge sulle tribune dell'Hallenstadion (Keystone)

Pollice verso della Swiss ice hockey Players Union all'aumento del numero di stranieri nel nostro campionato. A detta della stessa associazione, una specie di sindacato dei giocatori, avrebbe infatti «conseguenze drammatiche sulla promozione dei giovani talenti». Una presa di posizione che non lascia spazio a dubbi, quella della Sihpu, fatta sulla scorta delle indicazioni di un sondaggio online destinato ai circa 300 giocatori attivi in Svizzera e a delle stelle elvetiche che giocano in Nhl, e che ha avuto un tasso di rispondenza dell'80 per cento. 

I risultati? Parlano chiaro: più del 90% dei giocatori è contrario a un aumento della quota di stranieri, e ritiene che queste misure peggiorerebbero lo sviluppo sostenibile dell'hockey svizzero. Le ragioni sono ovvie: i giovani di talento costituiscono la base di una nazione di hockey su ghiaccio di successo, ma la mancanza di spazio sul ghiaccio ai massimi livelli farà poi sì che quella base sarà indebolita, il che avrà un impatto negativo sulla qualità a medio e lungo termine. Allo stesso tempo, l'89 per cento dei giocatori di National League è convinto che l'aumento della quota di stranieri e l'abolizione della "licenza svizzera" non porterebbe neppure a una riduzione dei costi salariali.

Critiche anche le stelle Nhl. 'E sanno di cosa stanno parlando'

Per Roman Josi (Nashville Predators) e Gaëtan Haas (Edmonton Oilers) l'aumento della quota di stranieri, perché sarebbe dannoso per la promozione dei giovani talenti svizzeri a lungo termine. Anche per loro è chiaro che la loro carriera avrebbe avuto meno successo se ci fosse stata una quota maggiore di stranieri all'inizio della loro carriera in National League.

«L'hockey svizzero è al centro delle preoccupazioni della Sihpu – sottolinea il suo presidente, l'ex portiere del Bienne Jonas Hiller –. Molti membri dell'associazione dei giocatori hanno raggiunto una carriera professionale grazie allo sviluppo sostenibile degli juniores e sanno di cosa stanno parlando. La Sihpu vorrebbe quindi essere almeno attivamente coinvolta nel processo decisionale».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1647
2
AmStars
1630
3
numenumeBiel
1588
4
EHL Wolves
1578
5
Futti
1569
6
Bidus
1560
7
Egetswiler Flyers
1559
8
Sparta Becherovka
1558
9
Topshelfers
1557
10
KISS of DEATH
1556
TOP NEWS Sport
hockey
2 ore
L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil
I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
3 ore
Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne
Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
8 ore
Singapore, nona pole stagionale per Leclerc
Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
Hockey
9 ore
Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane
La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
15 ore
Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich
Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
1 gior
A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’
Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
1 gior
A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten
Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
1 gior
Colombia, morire sul ring a venticinque anni
Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
1 gior
Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale
Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
1 gior
Cornaredo, un fortino da tornare a difendere
Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
© Regiopress, All rights reserved