laRegione
S.Gallo
3
Basilea
1
fine
(1-0)
Lakers
4
Losanna
5
fine
(2-0 : 1-4 : 1-0 : 0-0 : 0-1)
villa-e-zanetti-la-scelta-verde-del-lugano
Il diciannovenne ai Mondiali U20: 'Non è stato un gran risultato ma una grande esperienza' (Keystone)
Hockey
14.01.21 - 17:290
Aggiornamento : 18:11

Villa e Zanetti, la scelta verde del Lugano

Per far fonte all'emergenza in difesa Pelletier punta sui giovani. Dopo Ugazzi, altri Juniores pronti a fare il loro esordio in National League

La costanza e l'impegno pagano. Se poi a tanta dedizione ci si aggiunge anche un pizzico di sfortuna (altrui), i frutti di questa dedizione possono essere ancora più interessanti. Lo sa bene in particolare Nicolò Ugazzi, ragazzo di belle speranze già schierato tre volte in campionato da Serge Pelletier, e che ha saputo subito destare una gran bella impressione. Ma lo sanno anche diversi altri giovani che, come lui, approfittando dei diversi infortuni dei titolari, si affacciano alla finestra della prima squadra. Fra questi anche Alessandro Villa e Brian Zanetti, presenti sul ghiaccio nell'allenamento della vigilia della sfida con lo Zugo, schierati l'uno al fianco dell'altro. Entrambi difensori, entrambi accomunati da un grande sogno: quello di fare il loro debutto in National League. Un sogno che per Villa dovrebbe avverarsi proprio domani sera: «Lo spero davvero; sarebbe il coronamento di un sogno che mi porto appresso sin da bambino. E sarebbe anche un magnifico regalo anticipato di compleanno» sottolinea il ticinese, che tra poco più di una settimana (il 23 gennaio) compirà vent'anni.

L'aria della prima squadra, Villa, del resto l'ha già respirata in estate, quando ha assolto gran parte della preparazione al nuovo campionato agli ordini di Pelletier, disputando anche la prima amichevole del pre-season. «Ricordo ancora il primo impatto con quella che sin lì per me era una realtà inedita. Mi ha subito colpito il ritmo che c'è, tanto in partita quando negli allenamenti, in un gruppo che respira quotidianamente l'aria della National League. Ogni volta che posso unirmi alla prima squadra la vivo come un'opportunità. Tornare in questa realtà a qualche settimana di distanza dall'ultima volta mi fa capire che sì, rispetto a inizio estate qualche passo in avanti l'ho fatto, ma di margine per crescere ne ho parecchio: di strada davanti a me ce n'è ancora molta». Una strada da percorrere magari approfittando dei consigli dei giocatori più esperti... «L'accoglienza che mi hanno riservato i compagni è stata ottima. Tutti hanno cercato di aiutarmi, magari con qualche consiglio, in particolare penso a Wellinger e Chiesa». E in generale, c'è qualche giocatore in particolare a cui ti ispiri? «Non ho un vero e proprio idolo, ma seguo con interesse i difensori Nhl. Se devo sceglierne uno, direi che ammiro molto Roman Josi: un occhio di riguardo per lui senz'altro ce l'ho».

Dopo l'assaggio estivo di prima squadra, la stagione di Villa è proseguita con gli Juniores élite bianconeri, passando però anche per i Ticino Rockets, di cui ha vestito la maglia a tre riprese: «Con i Rockets ho fatto il mio debutto ufficiale tra i professionisti: è stata un'esperienza utile, perché mi ha permesso di toccare con mano la realtà di un torneo 'vero'». Senza dimenticare il Mondiale U20 in Canada: al di là dei deludenti risultati della Svizzera, per il luganese questa è stata un'altra tappa fondamentale nella sua ancor acerba carriera: «Da Edmonton non sarò tornato con grandi risultati, ma sicuramente arricchito sul piano personale. Vedere all'opera i migliori giocatori al mondo della tua età, renderti conto di che livelli possono raggiungere, è incoraggiante; ti dà la carica. È stata un'esperienza davvero molto utile, di cui serberò sempre un bel ricordo». Una prima parte di stagione bella intensa dunque la tua... «Sì, effettivamente c'è tanto ghiaccio... Del resto mi avevano già avvisato che molto probabilmente sarei stato confrontato con un'annata contraddistinta da impegni su più fronti». E fra questi c'è anche quello degli studi, che occupano gran parte del tempo in cui Villa non è sul ghiaccio: «Di tempo per rilassarmi non me ne resta molto, ma grazie al fatto di essere iscritto alla scuola per sportivi d'elite di Tenero beneficio di un piano di studi che tien conto anche dei miei impegni sportivi».

Zanetti e il sogno nordamericano in stand-by

Da un prodotto del vivaio bianconero all'altro. Ancora più giovane del primo, visto che Brian Zanetti di anni ne ha addirittura soli 17 (compirà i 18 il 15 marzo), ma che nelle gambe ha già una dozzina di allenamenti in prima squadra, con cui ha svolto pure parte della preparazione estiva. «Ogni volta che capita la possibilità di allenarsi con il Lugano l'opportunità va sfruttata - racconta Zanetti -. È l'occasione per renderti conto di quale sia il tuo livello per rapporto a quello del massimo campionato». E, soprattutto, ogni chiamata di Pelletier, seppure solo per gli allenamenti, è un passo in più verso quel traguardo che già dall'infanzia ha ben fisso davanti agli occhi: «Sono nato e cresciuto in questa città; qui ho iniziato a giocare a hockey e su queste gradinate ho fatto il tifo per quelli che erano i miei idoli. Essere qui ora, e avere l'opportunità aggregarmi a questo gruppo è qualcosa di straordinario. Non devo farmi comunque grandi illusioni, ma continuare a lavorare duro, consapevole che prima o poi arriverà anche la mia occasione». Trovarsi al cospetto delle porte della prima squadra a 17 anni ha comunque già dello straordinario... «Beh, se me lo avessero detto qualche anno fa non ci avrei creduto. Quella che sto vivendo è una grande avventura, ma è anche una straordinaria opportunità». Cosa si prova quando ci si allena con dei giocatori che praticamente fino alla scorsa stagione guardavi dagli spalti? «Un po' di emozione non nascondo che ci sia. In fondo, appunto, quelli sono giocatori che hai sempre visto come una sorta di idoli. L'hockey è la mia passione da sempre: lo seguo dall'età di tre anni, e la prima squadra del Lugano l'ho sempre vista come il mio obiettivo e il mio grande sogno».

Ma nell'obiettivo di Brian Zanetti c'è però anche l'altro capo del mondo, visto che presto potrebbe anche lasciare le sponde del Ceresio per stabilirsi dall'altra parte dell'Atlantico: «Sì, l'idea sarebbe appunto quella di andare in Canada per giocare in Ontario Hockey League con i Peterborough Petes. Tuttavia, complice l'attuale situazione pandemica, non è ancora ben chiaro se il campionato inizierà per davvero: in un primo tempo si parlava di gennaio, ma poi l'ingaggio d'apertura della stagione è stato posticipato: sono anch'io in attesa di notizie». Il sogno nordamericano di Brian Zanetti per ora è dunque in stand-by: «A dire il vero anche questo è arrivato un po' in maniera inaspettata. Non cercavo particolari esperienze all'estero e, anzi, a inizio stagione ero convinto che il mio futuro immediato lo avrei trascorso qui a Lugano. Poi però si è presentata l'opportunità di volare in Canada e volevo provare anche questa esperienza».

HOCKEY: Risultati e classifiche

HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
19414
2
Minoly
17448
3
Fazz17
14885
4
HC Petronilla
14725
5
HCLM
14566
6
Luganesina
14014
7
Highliner Giazz
14012
8
Capseicina Peppers
13746
9
O la va O la spacca
13732
10
Wee
12134
TOP NEWS Sport
Altri sport
10 ore
Lo sport sballottato da un anno di pandemia
Riviviamo a grandi linee quanto successo nel mondo sportivo dalle prime decisioni per contrastare il coronavirus nel febbraio 2020 a oggi
Sci
10 ore
Lara Gut-Behrami trionfa in Val di Sassa
La ticinese si è imposta nella discesa femminile. Secondo posto per Corinne Suter. Terza Kira Weidle
Calcio
17 ore
Reto Ziegler, USAto sicuro per il Lugano
Il 35enne ex internazionale elvetico, reduce dall'esperienza oltreoceano, è pronto ad aiutare i bianconeri (in emergenza difesa) già da domani a Losanna
Gallery
Hockey
1 gior
All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil
I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
1 gior
A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì
Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
1 gior
Via alla terza fase del massimo campionato
La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
1 gior
Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax
Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
1 gior
Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale
La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
2 gior
L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi
I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
2 gior
Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale
Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile