laRegione
CALCIO
07.08.22 - 18:30
Aggiornamento: 19:19

Europa o Super League, la musica non cambia

A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna

europa-o-super-league-la-musica-non-cambia

Seconda sconfitta in quattro giorni per un Lugano che a Cornaredo soccombe al Lucerna. Un’altra partita decisamente negativa per i bianconeri, messi sotto da una squadra apparsa tutt’altro che trascendentale. Troppi, però, gli errori, sia in fase di costruzione, sia in quella di disimpegno, da parte degli uomini di Croci-Torti. I quali si sono pure permessi il lusso di sbagliare in rigore con un Celar ancora una volta nemmeno lontano parente di quello che poche settimane fa aveva concluso la stagione da protagonista.

In un primo tempo equilibrato, i bianconeri hanno faticato a costruire gioco e non sono mai andati alla conclusione. Al contrario del Lucerna che al 27’ si è vista respinta da Saipi una conclusione da pochi passi (con palla definitivamente spazzata da Mai quasi sulla linea di porta). Il Lugano, come detto, ha commesso troppi errori individuali, come successo in tutte le uscite di questo inizio stagione. E così, su un disimpegno errato di Durrer, al 32’ è nato il gol del vantaggio con Dorn, bravo a resistere al rientro di Doumbia e a battere Saipi in diagonale.

A inizio ripresa l’episodio forse decisivo. Dopo un fallo in area di Emini su Bottani, Celar si è presentato sul dischetto, ma la sua conclusione è stata deviata da Müller (47’). Al 52’ c’è voluto il Var per rilevare un fallo di mano di Abubakar subito prima della conclusione di Kader del potenziale 0-2.

Al 59’ un bel lancio di Valenzuela ha pescato Celar davanti a Müller, ma lo sloveno si è fatto rimontare da Burch. Il gol del pareggio è arrivato a un quarto d’ora dalla fine con una punizione di Ziegler che ha sorpreso il portiere ospite sul primo palo. Il Lugano ha poi provato a cercare i tre punti, ma all’85’ si è fatto sorprendere da una verticalizzazione lucernese che ha portato alla conclusione Beloko appostato sul secondo palo per il gol della vittoria.


Lugano - Lucerna (0-1) 1-2

Reti: 32’ Dorn 0-1. 75’ Ziegler 1-1. 85’ Beloko 1-2

Lugano: Saipi; Durrer (62’ Hajdari), Mai, Ziegler; Arigoni (46’ Mahou), Belahdj, Sabbatini, Doumbia (62’ Haile-Selassie); Valenzuela; Bottani (76’ Babic); Celar (62’ Amoura)

Lucerna: Müller; Dräger (84’ Tasar), Burch, Simani, Fridek; Emini, Beloko (57’ Gentner); Dorn, Kadak (84’ Campo), Abubakar (57’ Ndiaye); Ardaiz (68’ Sorgic)

Arbitro: Bieri

Note: 3’060 spettatori. Lugano privo di Daprelà, Aliseda, Bislimi, Facchinetti, Hajrizi, Macek (infortunati); Lucerna senza Jashari, Loretz, Schürpf (infortunati). Ammoniti: 45’+1 Celar, Müller e Frick. 47’ Emini. 74’ Simani

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
39 min
Astana, Hüsler fuori al primo turno
Lo zurighese nettamente battuto da numero 53 Ruusuvuori
Calcio
6 ore
’Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’
Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
10 ore
Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale
Il Davos vincitore contro l’Ocelari e lo Zurigo - pur sconfitto in Svezia- raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
10 ore
Champions, vincono Napoli e Inter
Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
17 ore
Possibile ritorno di Messi al Barça
Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
COSE DELL’ALTRO MONDO
18 ore
Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500
Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
Calcio
22 ore
L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho
L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
CORSA D’ORIENTAMENTO
23 ore
La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri
A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
TIRI LIBERI
1 gior
Lugano in costruzione, Sam già rodata
Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
Storie mondiali
1 gior
Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore
Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
© Regiopress, All rights reserved