laRegione
20.05.22 - 12:00
Aggiornamento: 15:32

La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff

Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta

la-super-league-si-allarga-da-10-a-12-e-aggiunge-i-playoff

La rivoluzione del calcio professionistico rossocrociato è realtà. Dalla stagione 2023/2024 la Super League passerà da 10 a 12 squadre e i verdetti più importanti – il titolo, i posti europei e la retrocessione – cadranno attraverso una fase decisiva che farà seguito ai 32 turni della stagione "regolare". Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League (per il voto sull’allargamento serviva l’approvazione da parte di due terzi dei membri, per quello sulla formula la maggioranza semplice) durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen.

La stagione sarà divisa in tre fasi. La prima, il girone di qualificazione, vedrà tutte le compagini affrontarsi due volte, una in casa e una in trasferta, per un totale di 22 turni. La seconda fase, il girone finale, vedrà invece le squadre suddividersi tra le prime sei (il gruppo Campioni) e quelle dal settimo posto in giù (il gruppo Relegazione) e durerà dieci giornate, nelle quali le squadre manterranno i punti accumulati fin lì (un po’ come accadeva nella vecchia Lna, prima della riforma del 2003 e della creazione della Super League).

E qui arriva la grossa novità, visto che nella terza fase, i playoff, tutto si deciderà attraverso degli scontri diretti. La finale per il titolo vedrà affrontarsi le prime due classificate del gruppo Campioni in una serie best of 3 in cui sarà necessario ottenere due vittorie (anche ai rigori, non è previsto il pareggio) e in cui gara 1 e l’eventuale gara 3 si disputeranno sul campo della prima classificata. Le altre quattro squadre del girone Campioni e le migliori quattro di quello Relegazione disputeranno i playoff per le coppe europee con quarti di finale e semifinali ad andata e ritorno e finale secca (stile Champions League). Infine nulla cambierà per le ultime due classificate, con l’ultima direttamente relegata in Challenge League e la penultima che avrà la possibilità di salvarsi nello spareggio ad andata e ritorno contro la seconda classificata del campionato cadetto.

Nella prossima stagione (2022/2023) la formula rimarrà invariata, con tutte le squadre ad affrontarsi quattro volte per un totale di 36 partite, ma per arrivare pronti per l’annata successiva non ci sarà nessuna retrocessione diretta: la penultima di Super sarà salva, l’ultima disputerà lo spareggio (andata e ritorno) contro la terza di Challenge League e le prime due della lega cadetta saranno promosse direttamente nell’élite del calcio svizzero. Allo stesso modo, nessuna formazione di Challenge verrà mandata direttamente nella categoria inferiore, con la decima classificata che sfiderà nello spareggio la terza forza di Promotion League, campionato dal quale verranno automaticamente promosse (a patto di ottenere la licenza) le migliori due.

Dietrofront sulla riduzione di giocatori non formati localmente, ok ai 5 cambi

I delegati delle società che formano la Sfl hanno anche deciso di seguire le direttive dell’Ifab (International Football Association Board, l’ente garante delle regole del calcio) confermando le cinque sostituzioni a partita per entrambi i campionati, mentre è stata ritirata la decisione, votata un anno fa, di ridurre progressivamente il numero di giocatori non formati localmente che si possono inserire in contingente (sarebbero dovuti essere 15 nella prossima stagione, per arrivare a 13 in quella successiva, ma si rimarrà quindi a 17 sul totale di 25 posti in rosa).

I club hanno infine deciso di approvare una modifica al regolamento che permetterà alle autorità disciplinari di intervenire in maniera più tempestiva in caso di incidenti gravi e di ordinare misure preventive.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
1 ora
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
3 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
4 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
7 ore
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
8 ore
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
9 ore
Acb, anno nuovo e problemi vecchi
Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
9 ore
Doppio colpo per Novak Djokovic
Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
10 ore
Bronzo mondiale per Vogt e Michel
A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
12 ore
Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark
Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
13 ore
Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic
A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
© Regiopress, All rights reserved