laRegione
la-federazione-americana-paghera-le-giocatrici-quanto-gli-uomini
Keystone
Per la vittoria della Coppa del mondo femminile nel 2019, le statunitensi hanno ricevuto un bonus di 3,4 milioni di euro. Per lo stesso titolo, la squadra maschile francese aveva ricevuto l’anno prima 32 milioni
22.02.22 - 15:53
Aggiornamento: 21:09
Ats, a cura de laRegione

La federazione americana pagherà le giocatrici quanto gli uomini

La Nazionale femminile aveva denunciato le differenze milionarie fra la loro squadra e quella maschile

La Federazione calcistica degli Stati Uniti (Us Soccer) si è impegnata a pagare la squadra nazionale femminile allo stesso livello di quella maschile. Questo in un accordo con un gruppo di giocatrici, tra cui la stella Megan Rapinoe, che aveva sostenuto la causa.

"Us Soccer si è impegnata a pagare d’ora in poi tariffe uguali per le squadre nazionali femminili e maschili in tutte le amichevoli e i tornei, compresa la Coppa del mondo", dettagliano i termini dell’accordo tra le due parti, trasmesso oggi all’agenzia di stampa Afp.

Ventotto giocatrici della Nazionale femminile statunitense, campionesse del mondo nel 2019 in Francia, avevano depositato un ricorso collettivo contro la politica discriminatoria della federazione. "Quando vinciamo, tutti vincono", ha applaudito la stella del calcio americano Megan Rapinoe su Twitter dopo l’annuncio dell’accordo.

Alle giocatrici verranno distribuiti 22 milioni di dollari

L’accordo è progettato per porre fine alle cause intentate dal gruppo di giocatrici e vale un totale di 24 milioni di dollari. Di questi, 22 milioni saranno distribuiti in un modo proposto dalle calciatrici della squadra nazionale femminile.

"Ovviamente non possiamo tornare indietro e cancellare le ingiustizie con cui siamo state confrontate, ma ciò che ne risulta dice che tutto ciò non potrà più accadere", ha pure dichiarato Megan Rapinoe alla Abc, parlando di "un grande giorno".

‘Un passo monumentale’

Anche l’attaccante Alex Morgan ha affermato in un’intervista all’Abc che l’accordo rappresenta una vittoria per tutte le parti. La giocatrice è apparsa sull’emittente accanto alla presidente dell’Us Soccer Cindy Parlow Cone, ex giocatrice. "Questo è un monumentale passo avanti nel sentirci apprezzate, rispettate e nel riparare il nostro rapporto con la Us Soccer", ha detto la giocatrice con 190 presenze in Nazionale. "Non la vedo solo come una vittoria per la nostra squadra o per gli sport femminili, ma per le donne in generale", ha aggiunto Morgan.

L’applicazione dei termini dell’accordo dipenderà dalla ratifica di un contratto collettivo tra le giocatrici della squadra nazionale e la federazione. Una volta che la convenzione verrà ratificata e l’accordo approvato da un tribunale, le cause saranno abbandonate.

Il presidente della Us Soccer Cindy Parlow Cone ha detto a settembre che sperava di "armonizzare" i bonus legati alla Coppa del mondo per le squadre maschili e femminili degli Stati Uniti, al fine di risolvere la controversia con le giocatrici.

Differenze di milioni tra squadre femminili e maschili

La questione di questi bonus è stata una parte importante della causa intentata dalla squadra femminile statunitense nel 2019, e in particolare da Megan Rapinoe. La federazione veniva accusata di "rifiutare ostinatamente" di pagare i suoi giocatori e le sue giocatrici in modo equo.

La Fifa, per esempio, ha assegnato un bonus di più di 32 milioni di euro alla Nazionale maschile francese in occasione del loro successo mondiale del 2018. Per il titolo mondiale del 2019, invece, le americane hanno ricevuto solo 3,4 milioni di euro. Inoltre la squadra statunitense maschile, eliminata agli ottavi di finale nel 2014, ha ricevuto 4,5 milioni di euro, mentre la loro controparte femminile ha ricevuto solo 1,45 milioni di euro per aver vinto la loro competizione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio calcio femminile nazionale femminile stati uniti us soccer
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
3 ore
Presentato il GP Ticino Banca Stato
L’unica gara ticinese aperta a tutte le categorie si disputerà domenica 17 luglio
Calcio
11 ore
Pandemia, 10 milioni in indennizzi di troppo
Secondo la radio Srf alcuni club hanno ricevuto soldi da due programmi diversi. L’Ufspo: non risulta però che le società abbiano dato informazioni errate
ATLETICA
20 ore
Niente Mondiali per la stella dell’asta Sam Kendricks
Il californiano, che era già stato costretto a rinunciare ai Giochi a causa del Covid, sempre alle prese con problemi al ginocchio a una settimana dal via
Calcio
20 ore
S’alza il sipario sull’Euro con un successo inglese
Un gol di Mead decide la sfida inaugurale contro l’Austria. Le ragazze rossocrociate debutteranno sabato pomeriggio sfidando la selezione portoghese
Tennis
23 ore
Una folle maratona di oltre quattr’ore: Nadal in semifinale
Encomiabile lo spagnolo in campo nonostante dolori agli addominali, ma Taylor Fritz spreca la chance. Ora il maiorchino se la vedrà con il focoso Kyrgios
BOCCE
1 gior
Il campionato ticinese sorride ancora a Laura Riso
Quarto oro cantonale per l’esponente della Gerla, che in finale al bocciodromo di Lugano ha prevalso sulla locarnese Rosaria Cadei
AUTOMOBILISMO
1 gior
Dopo Misano Alex e Ivan restano in lotta per il titolo
I due piloti ticinesi in lizza nelle Gt4 European series sono al giro di boa della loro stagione, sempre con in linea di mira il successo in classe Pro-Am
Calcio
1 gior
Liga, il quarantenne Joaquin prolunga fino al 2023
Ennesima stagione da professionista per il capitano del Betis
Hockey
1 gior
Draft Nhl, Lian Bichsel sarà chiamato al primo turno?
Da qualche anno nessuno svizzero viene più scelto fra i migliori
Calcio
1 gior
Beloko dallo Xamax al Lucerna
Per il centrocampista contratto fino al 2025
© Regiopress, All rights reserved