laRegione
la ricorrenza
laR
 
07.08.22 - 20:40
Aggiornamento: 23:43

Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’

Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina

con-il-parkour-da-diciotto-a-ottantacinque-sport
Ti-Press/Gianinazzi
Le prime acrobazie
+1

In occasione del cinquantesimo anniversario di Gioventù e Sport – programma di promozione dell’Ufficio federale dello sport, fondato nel 1972 – anche il Centro sportivo di Tenero ha partecipato alla festa, accogliendo un campo del giubileo al quale hanno partecipato settecento ragazzi, da tutta la svizzera e dall’estero (anche con lo statuto di rifugiato), disabili compresi. Oltre a numerose attività sportive (affidate agli studenti della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin), i giovani hanno potuto prendere parte anche a workshop dedicati a temi emergenti e sensibili come l’etica, la prevenzione, l’inclusione nello sport e l’uso dei mezzi di comunicazione. Erano inoltre previsti numerosi momenti conviviali, escursioni corso di cucina, attività circensi in collaborazione con il Teatro Dimitri e un atelier di prevenzione in collaborazione con Swiss Olympic e la federazione PluSport.

Ma non solo: è anche stata l’occasione per inaugurare una postazione per il parkour e lo street workout recentemente costruita nel centro sportivo locarnese.

Per l’occasione era presente anche Pierre-André Weber, responsabile degli sport per i giovani e per gli adulti presso l’Ufspo: «Con il programma Gioventù e Sport lo stato fornisce un sostegno finanziario ai club sportivi, per i campi sportivi e per la formazione dei monitori – ha dichiarato Weber –. G+S esiste ormai da cinquant’anni, iniziando con diciotto sport, ora le discipline nelle quali viene svolta promozione e formazione sono ormai una novantina (ottantacinque per la precisione), l’ultimo arrivato è il parkour, entrato a far parte delle discipline G+S a ottobre dello scorso anno e vedremo cosa offrirà nel prossimo futuro, ma è sicuramente uno sport in netta crescita. In questo modo G+S rimane giovane, sportiva e unica».

‘È anche un ottimo allenamento fisico’

Julian Dutoit, responsabile del parkour in seno a Gioventù e Sport (e che con i colleghi Claudio Ceppi e Josua Ernst ha dato una dimostrazione pratica agli estasiati ragazzi riuniti sui prati di Tenero) è entusiasta della novità: «Avere questa infrastruttura è importantissimo, soprattutto per uno sport in forte crescita. È una postazione fantastica per iniziare questo sport, è adatta a bambini di tutte le età, siamo felici che sia arrivata e che sia stata aperta così velocemente».

Quanto è importante avere anche delle gare? «Per il pubblico è entusiasmante guardare le competizioni, che possono anche fungere da ispirazione per i più giovani per iniziare a praticare il parkour ed è fantastico che esistano, tuttavia non dovrebbero essere il punto centrale, in quanto la filosofia del parkour è quella di aiutarsi a vicenda, cercando di spingersi e per questo la concorrenza non è molto d’aiuto. Inoltre il parkour è un ottimo allenamento fisico, si utilizza tutto il corpo, c’è esplosività forza di gambe e del tronco».

Quali sono le prospettive per il parkour e come viene gestito? «Da circa cinque anni la partecipazione è in aumento e penso che i praticanti cresceranno ulteriormente nei prossimi dieci anni, grazie alla spinta di Gioventù e Sport, inoltre aiuta l’organizzazione che c’è dietro alla disciplina. Con Gioventù e Sport e la Federazione svizzera di Parkour cerchiamo di costruire tutta la piramide formativa, cercando nuovi monitori che possano diffondere la disciplina e di aumentare l’offerta per i novellini».

‘Normale organizzare il campo e ampliare l’offerta’

Infine il direttore del Centro sportivo di Tenero Bixio Caprara si è rivolto ai numerosi e giovani partecipanti al campo: «Da parte mia voglio ringraziare chi ha permesso di organizzare questa settimana, tra monitori, accompagnatori e tutti gli altri che hanno lavorato nei settori della cucina, delle pulizie e quant’altro».

In ottica futura invece, che utilizzo verrà fatto della struttura? «Come tutte le altre infrastrutture del Centro verrà messa a disposizione degli ospiti, per poterla usare bisogna chiedere l’autorizzazione, anche perché è necessario avere conoscenze in materia per evitare di farsi male, quindi ci dev’essere un monitore formato che possa insegnare ai ragazzi come praticare il parkour o lo street workout, quindi è una nuova disciplina di Gioventù e Sport, che come per le altre formerà i monitori, sarà possibile seguire dei corsi e i gruppi potranno venire qui e provare».

Intanto Tenero si conferma essere uno dei fulcri dell’attività sportiva in Svizzera… «Siamo nel cinquantesimo anniversario di Gioventù e Sport, il Centro sportivo nazionale della gioventù è quella parte dell’ufficio federale dello sport che si occupa dello sport giovanile, per cui era abbastanza normale organizzare innanzitutto questo campo nazionale e internazionale e secondariamente noi dobbiamo cercare di promuovere le nuove discipline, non le mode ma i trend, per cui essendo il parkour una nuova disciplina era normale che entrasse a far parte della nostra offerta».

Più offerta, significa più stimoli per praticare attività: «Abbiamo visto oggi durante la dimostrazione come i ragazzi la guardassero con grandi occhi, affascinati. L’obiettivo nostro è sempre quello di motivare i ragazzi a fare sport e movimento, l’importante è che tolgano le dita dal telefonino e si alzino dal divano, poi è uguale cosa facciano».

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
9 min
Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno
Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
Tennis
56 min
Astana, Hüsler fuori al primo turno
Lo zurighese nettamente battuto da numero 53 Ruusuvuori
Calcio
6 ore
’Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’
Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
10 ore
Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale
Il Davos vincitore contro l’Ocelari e lo Zurigo - pur sconfitto in Svezia- raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
10 ore
Champions, vincono Napoli e Inter
Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
17 ore
Possibile ritorno di Messi al Barça
Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
COSE DELL’ALTRO MONDO
19 ore
Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500
Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
Calcio
22 ore
L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho
L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
CORSA D’ORIENTAMENTO
23 ore
La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri
A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
TIRI LIBERI
1 gior
Lugano in costruzione, Sam già rodata
Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
© Regiopress, All rights reserved