laRegione
Tiri liberi
12.04.22 - 15:12
Aggiornamento: 16:53

Per il bene del basket, si cambi la formula della Coppa Svizzera

Olympic ed Elfic Friborgo hanno dominato le rispettive finali. Per ridare slancio all’evento, va dato modo alle squadre migliori di giocarsi il trofeo.

di Dario 'Mec' Bernasconi
per-il-bene-del-basket-si-cambi-la-formula-della-coppa-svizzera
Keystone
L’Olympic Friborgo festeggia la vittoria della Coppa Svizzera 2022

Le due finali di Coppa Svizzera, disputate a Friborgo sabato, hanno avuto l’esito scontato e ampiamente annunciato su queste pagine. L’unico aspetto che non ha combaciato con le nostre previsioni, è stata l’affluenza di pubblico, dato che si riporta la cifra di 2’500 spettatori. Guardando le immagini, ci si può avvicinare; anche se qualche centinaio di troppo ci sarà stato. Comunque oltre duemila spettatori è un numero elevato per il nostro basket.

Sia chiaro che se le finali fossero state giocate a Zurigo o in Ticino, ma forse anche altrove, difficilmente avremmo avuto queste cifre. Anche perché Friborgo rimane una delle culle del basket e i tifosi accorrono da sempre alle partite. Se poi ci sono i giusti incentivi e la possibilità di fare una doppietta ampiamente realistica, ecco che anche il più pigro dice che esserci per la decima dell’Olympic è un momento storico della società. Inoltre, uno stimolo un po’ sadico può aver trascinato qualcuno in più, curioso di capire con quanti punti di scarto avrebbero trionfato le squadre di casa.

Sul piano tecnico e dell’immagine del basket, ovviamente, siamo lontani chilometri. Quando una partita maschile decolla con un 19-2, i restanti tre quarti di gara sono pura accademia e diventa una specie di passerella. Lo stesso dicasi per la gara femminile: se in meno di due minuti il parziale sale +10 e a metà gara si è sul 55-28, che partita si sta guardando? La pochezza delle avversarie di turno non è certamente una "colpa" delle due friborghesi, bensì della formula open.

Lo diciamo da anni che, piaccia o meno, la Coppa Svizzera, anche se ha cambiato nome per puro sfizio "dialettico-costituzionale", è La vera festa del basket svizzero. E, come tale, dovrebbe dare il meglio dello spettacolo tecnico. Viene trasmessa sui canali sportivi ed è quindi un evento che dovrebbe fare da traino al movimento e incentivare la pratica di questo sport. Se uno spettatore capita per caso sul basket, facendo zapping, e vede due squadre con venti o trenta punti di scarto neanche a metà partita, quanti secondi rimane sintonizzato? Zero. Dunque se si vuole che questo sport riprenda quota, deve cambiare la formula e occorre procedere per sorteggi mirati. Anche perché portare le squadre di A su campetti sperduti, non fa bene a nessuno; poiché oggi tutti quelli che vogliono vedere il basket lo possono fare attraverso un telefonino. Quindi adeguiamoci finalmente alla realtà e vediamo di avere una competizione che porti le migliori a giocarsi la Coppa.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
OLIMPIADI
8 ore
La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’
Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
9 ore
È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni
Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
12 ore
Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale
Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
16 ore
Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur
Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
pallanuoto
17 ore
I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera
Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
17 ore
Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’
Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
18 ore
Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis
Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
18 ore
Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali
Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
BASKET
1 gior
La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey
Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior
‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’
Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
© Regiopress, All rights reserved