laRegione
I diplomati
20.06.16 - 09:380
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:15

Cerimonia di consegna dei diplomi Advanced Studies SUPSI

Si è svolta venerdì 10 giugno presso il Palazzo dei Congressi di Lugano la cerimonia di consegna dei diplomi Advanced Studies della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi). Numerosi i professionisti che, in presenza di quasi 600 persone, hanno ricevuto i titoli Diploma of Advanced Studies (Das), Master of Advanced Studies (Mas) ed Executive Master of Business Administration (Emba).
L’evento ha permesso di riunire i diplomati dei principali percorsi formativi della Supsi nell’ambito della formazione continua. Nel 2016 sono stati complessivamente 223 i diplomati, tutti professionalmente attivi, che hanno scelto la formazione continua universitaria per specializzarsi e aggiornarsi durante la propria carriera.
Ad aprire la cerimonia il Direttore generale della Supsi Franco Gervasoni che nel suo discorso ha sottolineato quanto le carriere lavorative sono oggi sempre più spesso imprevedibili e sempre meno lineari. «Le conoscenze da acquisire diventano sempre più articolate e complesse. I ruoli da assumere, i metodi e gli approcci al lavoro necessitano sempre più di un mix equilibrato fra competenze specialistiche, metodologiche, personali. L’interdisciplinarità e l’interprofessionalità sono spesso chiavi per accedere alla soluzione dei problemi con cui ci si trova confrontati». Un recente studio dell’Ufficio federale di statistica (Ust) ha rivelato che in Svizzera mediamente un lavoratore cambia almeno quattro volte lavoro durante la propria vita. «I treni delle opportunità passano e vanno presi al volo. Ogni cambiamento di direzione deve quindi essere anticipato o accompagnato da una coerente formazione continua».

Allegati
TOP NEWS I diplomati
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile