laRegione
Curiosità
17.11.19 - 09:020

Novità al check-in: tornano i liquidi nel bagaglio a mano

Non più documenti personali e biglietto all'imbarco, il 'lasciapassare' sarà il volto degli stessi passeggeri.

Attraversare i varchi di sicurezza sarà sempre meno «traumatico» perché non si dovranno più tirare fuori dal bagaglio a mano liquidi, computer portatile, tablet o macchine fotografiche. Un ritorno al passato, come si legge sul Corriere.it: l’obbligo di separare questi oggetti dal resto degli effetti personali venne introdotto dopo gli attentati dell’11 settembre 2001. Le nuove macchine radiogene - a Milano Malpensa per esempio la sperimentazione è iniziata l’estate scorsa - consentono di effettuare una vera Tac al contenuto del trolley da portare a bordo: il software in pochi secondi mostra eventuali anomalie all’operatore. Operatore che, di questo passo, potrebbe diventare l’unico essere umano incontrato dall’ingresso in aeroporto fino all’imbarco.

C'è di più. Novità vi sono anche circa la necessità di presentare i propri documenti personali. Una nuova postazione è, infatti, comparsa da qualche giorno all'aeroporto di Roma Fiumicino, primo aeroporto d’Italia per traffico passeggeri. Entro la fine del mese chi s’imbarcherà sui voli Klm Roma-Amsterdam potrà sperimentare l’imbarco di ultima generazione dove il proprio volto diventa «il» lasciapassare, senza dover più mostrare il documento d’identità e il biglietto. Lo stesso accadrà anche a cavallo tra quest’anno e il prossimo allo scalo di Linate, a Milano, per i frequent flyer e in ogni collegamento, sia esso nazionale, comunitario o extra Schengen (cioè il Regno Unito), sottolineano da Sea, azienda che supervisiona la struttura alle porte del capoluogo lombardo e a Malpensa.

Ma come funziona? Al momento del check-in online attraverso lo smartphone o nei chioschetti nei pressi dei banconi - cosa che oggi fa già il 54,5% delle persone nel globo secondo il Passenger It Insights 2019 di Sita - la fotocamera riprende i punti principali del viso e convalida l’identità incrociando i dati del documento di viaggio (il passaporto in particolare) e la prenotazione del volo. Il sistema genera un «token», una chiave digitale temporanea che consente al solo volto - intanto passato anche al vaglio dei database delle polizie locali e internazionali - di superare i diversi varchi fermandosi per circa 20-25 secondi davanti alle fotocamere nei tre punti di «snodo»: il controllo del bagaglio a mano, la postazione di frontiera, il gate che fa accedere al velivolo. Da un punto di vista statistico l’utilizzo della biometria ha un bassissimo margine d’errore, anche se per alcune etnie ha mostrato in giro per il mondo valori anomali che dovranno essere risolti. 

TOP NEWS Curiosità
Curiosità
3 gior
Chi sono i miei vicini di casa?
Un sondaggio indica che gli svizzeri vogliono sapere chi sono. Una persona su cinque utilizza i social per saperne di più
Curiosità
5 gior
Sesso sicuro da collezione al vecchio Wankdorf
Il mitico stadio venne abbattuto 19 anni fa. I tifosi si portarono via tutto: anche il distributore di preservativi...
Curiosità
5 gior
Il Dalai Lama compie 85 anni. E pubblica il suo primo disco
L'alum contiene undici tracce, in cui si alternano mantra e insegnamenti buddisti su sfondo di musica da meditazione. Il ricavato andrà a una sua fondazione.
Curiosità
5 gior
La pipì contro un muro gli costa cara
La Suva fece bene a ridurgli le prestazioni: il Tribunale federale respinge il ricorso di un uomo che a causa del suo gesto era stato colpito alla testa
Curiosità
5 gior
Mai visto in Russia un semestre così caldo
Temperature da record ei primi sei mesi dell'anno. Il capo del servizio meteorologico non esclude "pericolosi eventi" in luglio.
Curiosità
6 gior
Il sesso non figurerà più sulla carta d'identità degli olandesi
Il governo vuole abolire l'indicazione dal 2024-2025. Soddisfatte le associazioni che difendono i diritti degli omosessuali e di altre minoranze.
Curiosità
6 gior
La cinquantunesima libellula della Grande Cariçaie
Un'altra specie è arrivata nella riserva naturale sul lago di Neuchâtel: la Leucorrhinia pectoralis, è la più grande in Europa e rischia l'estinzione
Curiosità
1 sett
Posta aerea dal Brasile: 30 fogli impregnati di cocaina
La scoperta è stata fatta dai doganieri svizzeri all'aeroporto di Basilea-Mulhouse. La droga era stata sciolta in un liquido.
Curiosità
1 sett
È mistero sulla morte di oltre 350 elefanti in Botswana
Buona parte degli animali è stata trovata senza vita vicino a pozze d'acqua. Per gli scienziati è un disastro ambientale
Curiosità
1 sett
In Liguria le ceneri di 'Fido' nella tomba del padrone
Da oggi è possibile tumulare, dopo cremazione e in un'urna separata, le ceneri degli animali da compagnia nella tomba del padrone o della famiglia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile