laRegione
IL COMMENTO
laR
 
23.11.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:42

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite

la-realta-artefatta-del-qatar
  • Sempre evidente, salvo rare eccezioni, il divario tecnico fra le squadre dei diversi continenti
  • Intanto la Fifa continua la sua opera di deformazione della realtà qatariota
  • Il coraggio dei calciatori iraniani, che in appoggio alle rivolte popolari in patria rifiutano di cantare l'inno nazionale

 

Salutato con gioia il ritorno sul massimo palcoscenico del danese Christian Eriksen, miracolato che un anno e mezzo fa avevamo visto praticamente morire in diretta tv sul campo da calcio, tocca accennare nel primo bilancio della competizione iridata alla clamorosa sconfitta dell’Argentina contro i sauditi, parsi nettamente più forti dei loro vicini – cioè i qatarioti e gli iraniani – spazzati via da Ecuador e Inghilterra. Il divario fra il calcio occidentale e quello più periferico, ad ogni modo, invece di colmarsi sembra in realtà acuirsi, facendo tremare al pensiero dell’allargamento delle finaliste, da 32 a 48, previsto dal 2026. Vorremmo sbagliarci, ma questa bella pensata del presidente della Fifa Gianni Infantino, anziché migliorare lo spettacolo finirà per renderlo dal punto di vista tecnico ancor meno attraente.

Ma, si sa, a lui e ai suoi sodali interessano altre cose, ad esempio far durare all’infinito i minuti di recupero – come si sta ben vedendo in questi primi giorni di torneo – forse per offrire agli sponsor maggiore visibilità e dunque potergli scucire più soldi. L’inesauribile sete di denaro – insieme al totale disinteresse per i diritti umani e per la parola data – pare ormai la cifra stilistica del governo del calcio, fattosi notare negli ultimi giorni per la messa al bando degli alcolici dopo aver dato ampie rassicurazioni in senso contrario, e poi vietando ai capitani delle squadre di sfoggiare la fascia recante i colori dell’arcobaleno e la scritta One Love. Il tutto, naturalmente, per non urtare l’oscurantista sensibilità dei raìs con cui fa lucrosi affari. E, altrettanto ovviamente, nella più completa ipocrisia: a cosa mai potrà servire mostrare in tv – com’è accaduto – l’emiro di fianco a un dirigente Fifa che fa outing, se poi le leggi del Paese continueranno a prevedere per i gay punizioni severissime?

Ma la narrazione di una realtà artefatta riguarda pure l’enorme voglia di calcio che aleggerebbe in Qatar: amici amanti del pallone che da anni vivono a Doha ci assicurano che i Mondiali – e il gioco in generale – non interessano a nessuno, e che il presunto entusiasmo è solo una farsa allestita per dare del Paese l’ennesima immagine falsata. E a suffragare questa lettura contribuisce quanto abbiamo visto domenica nella gara d’apertura giocata dai padroni di casa, con gli spalti che si svuotavano già mezz’ora prima del fischio finale: davvero poco convincente, come segno d’attaccamento alla squadra e di entusiasmo nei confronti di un torneo teoricamente atteso per anni con trepidazione. ‘Lo hanno fatto per evitare il traffico’, è la risposta ufficiale: fosse davvero così, significherebbe che i tanto decantati stadi-cimiteri sono stati edificati, pur disponendo di spazi e risorse infiniti, in zone servite in modo pessimo dalla rete viaria.

A consolare resta soltanto il coraggio mostrato dai calciatori iraniani nel rifiutare di cantare prima della partita l’inno nazionale inneggiante agli ayatollah oppressori per ribadire il loro sostegno alle rivolte popolari in corso nel Paese ormai da un paio di mesi e scatenate dall’omicidio della giovane Mahsa Amini: questo è vero fegato, mica le mascherate apparecchiate dalla Fifa esclusivamente per il proprio tornaconto personale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
9 ore
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
2 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
3 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
4 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
6 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett
Salvini, Meloni e il governo degli sburoni
Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
© Regiopress, All rights reserved