laRegione
dopo-aver-corso-per-totti-ora-tommasi-corre-per-verona
Keystone
laR
 
28.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 07:47
di Franco Zantonelli

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana

La ‘Fatal Verona’, che già costò due scudetti al Milan, si rivela tale anche per il centrodestra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi. Incapaci di mettersi d’accordo su un nome condiviso, quello del sindaco uscente di Fratelli d’Italia Federico Sboarina, il quale ha rifiutato l’appoggio dell’esponente di Forza Italia e suo predecessore Flavio Tosi. Sboarina alla fine è stato sconfitto da Damiano Tommasi, alla guida di una lista civica appoggiata dal centrosinistra. 48 anni, un passato da calciatore professionista nelle file della Roma e della Nazionale italiana, Tommasi è una figura atipica sia in ambito politico che sportivo. Almeno secondo i canoni italiani. Per la campagna elettorale, che lo ha visto in testa già al primo turno, dice di non aver speso un soldo. Né in manifesti, né in santini, né in pubblicità sulle radio e tv locali. La sua è stata una campagna tra la gente, che incontrava ai mercatini e che lo conosce e lo apprezza perché è uno del posto che parla dialetto e che, nonostante la notorietà derivante dal passato di calciatore, è rimasto con i piedi ben piantati nella sua terra. Cattolico praticante, vicino alla figura di Don Milani, sposato, padre di cinque figli e attivo nel volontariato, Damiano Tommasi, come quando giocava nella Roma e in nazionale, dà l’impressione della persona limpida. Un leader naturale senza bisogno d’inutili ostentazioni. Fabio Capello, con cui vinse uno scudetto nel 2001, lo definisce "un uomo vero, un uomo a 360 gradi". Per Francesco Totti, suo compagno di squadra, Tommasi è "una figura positiva, bella e trasparente". L’ex centrocampista, al momento del ritiro del più celebre compagno se ne uscì scherzosamente affermando che "forse uno dei regali più belli che ho fatto alla Roma è aver permesso a Totti di giocare fino a 40 anni, visto che per 10 anni ho corso per lui". Ora, per i prossimi 5 anni, gli toccherà correre per Verona, che negli ultimi 15 anni è stata governata da esponenti del centro-destra e, in precedenza, da coalizioni a guida democristiana.

"Non era semplice e non lo sarà", ha riconosciuto Tommasi, per poi aggiungere che "ci siamo messi in gioco per fare una cosa che Verona aspettava da tempo". Intanto Enrico Letta esulta per la vittoria di un candidato appoggiato dal suo partito e da quel che resta dei 5 Stelle, ma dubitiamo che Damiano Tommasi sia uomo sensibile alle logiche di partito. Certo, dell’esperienza di chi ha a che fare con il Palazzo non potrà fare a meno. Forse, con lui, dopo la delusione del movimento grillino, è venuta finalmente alla luce in Italia una nuova figura di politico. Qualcuno interessato, sinceramente, ai problemi dei cittadini e con il giusto carisma per contribuire a risolverli. Staremo a vedere. Come staremo a vedere che fine farà il trio Meloni-Salvini-Berlusconi che oltre a Verona ha perso pure un’altra roccaforte storica, Monza, nonostante per la città brianzola fosse sceso in campo, personalmente, il magnate di Arcore che in qualità di proprietario della squadra di calcio locale è riuscito a farla promuovere in serie A.

Berlusconi, che pur con tutti i suoi difetti può essere ritenuto l’unico vero politico di talento del trio di cui sopra, si era già sbottonato velenosamente sui suoi compagni di cordata: "Salvini o Meloni premier? Non scherziamo".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
damiano tommasi francesco totti monza silvio berlusconi verona
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved