laRegione
hansjorg-wyss-l-anti-blocher-che-si-prese-il-chelsea
Keystone
Wyss è ritenuto lo svizzero più influente del pianeta
laR
 
12.05.22 - 05:30
Aggiornamento : 19:05

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich

di Franco Zantonelli
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Chi l’avrebbe mai detto, tra fine febbraio e inizio marzo, quando per l’invasione dell’Ucraina l’ira dell’Occidente iniziò a stringere in una morsa Putin e la sua corte di oligarchi. Chi l’avrebbe mai detto che sul gioiello calcistico di Roman Abramovich avrebbe puntato gli occhi l’86enne Hansjörg Wyss, un miliardario svizzero sconosciuto ai più? Anche per via di uno stile di vita che è l’esatto contrario di quello di quei ricchi e famosi sempre in primo piano sulle ribalte mondane. Insomma un uomo tutto meno che appariscente, ma particolarmente a suo agio negli ambienti che contano davvero, visto che è ritenuto lo svizzero più influente del pianeta. Con buona pace dei vari consiglieri federali e del suo quasi coetaneo Christoph Blocher, del quale è oltretutto politicamente l’opposto, considerato che Wyss è un esponente di spicco dei circoli liberal statunitensi e ha, tra l’altro, finanziato la campagna presidenziale di Biden. Si può dire, in effetti, che tra i due patriarchi rossocrociati non corra buon sangue. Hansjörg Wyss critica l’Udc per la sua politica di chiusura nei confronti degli stranieri. "L’Udc – ha detto lo scorso anno al Blick – non ha ancora capito che viviamo in un mondo globalizzato. La sua unica preoccupazione è che la bandiera svizzera sventoli in ogni villaggio". "Wyss vive lontano e non ha a cuore l’indipendenza della Svizzera", gli ha replicato Blocher.

Nato a Berna e cresciuto in un modesto appartamento di tre stanze di un quartiere popolare della capitale, Wyss si è dapprima laureato al Politecnico di Zurigo, per poi perfezionarsi alla Harvard Business School del Massachusetts. I miliardi li ha fatti con la Synthes, un’azienda d’ingegneria biomedica con sede a Soletta che, nel frattempo, ha venduto alla multinazionale americana Johnson&Johnson. Da tempo il magnate, che oggi vive prevalentemente nel Wyoming, si è dato alla filantropia, creando la Wyss Foundation, impegnata nella difesa dell’ambiente. Inoltre, con una quarantina di altri miliardari, tra cui figurano Bill Gates e Warren Buffett, ha dato vita al progetto The Giving Pledge, il cui scopo è quello di convincere i super-ricchi a devolvere metà della loro fortuna in beneficenza. Sostiene Hansjörg Wyss in una lettera inviata a Melinda e Bill Gates che "ogni uomo ha un debito di riconoscenza verso il proprio Paese, proporzionato alla generosità che la natura e la fortuna gli hanno messo a disposizione". Non essendoci, nella sua biografia, alcun riferimento allo sport, tantomeno al calcio, c’è da chiedersi il motivo per cui, insieme a un socio statunitense, Todd Boehly, già proprietario di una squadra di baseball, i Los Angeles Dodgers, abbia deciso d’investire l’equivalente di 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul Chelsea. A quanto pare il ruolo svolto oggi da Abramovich toccherebbe al socio americano, mentre l’anziano magnate bernese rimarrebbe in una posizione più defilata.

Certo è che la rettitudine e l’autorevolezza che gli vengono riconosciute possono solo far bene al mondo del calcio che conta, impelagato com’è in situazioni di scandalosi privilegi, ben poco in sintonia con lo spirito della lettera con cui Hanjörg Wyss aderì a The Giving Pledge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chelsea christoph blocher hansjörg wyss roman abramovich
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 min
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved