laRegione
laR
 
28.02.22 - 05:15
Aggiornamento: 15:02

I conti sballati di Putin

Si aspettava una guerra lampo, ora affronta la resistenza ucraina, le sanzioni occidentali e un calo di leadership. Così rilancia con la minaccia nucleare

di Aldo Sofia
i-conti-sballati-di-putin
Smettila Putin! (Keystone)

Kiev non cade alla prima violenta spallata russa. Come, ovviamente, avrebbe preferito l’uomo del Cremlino. E come pronosticavano gli esperti di faccende militari. Invece, almeno per ora, gli ucraini reggono più del previsto. E qualche grattacapo cominciano a procurarlo a Vladimir Putin, il ‘geniale’ stratega insistentemente celebrato oltre Atlantico dall’irrecuperabile Trump.

In soli dieci giorni (mentre nelle città russe si formano lunghe code ai distributori bancomat, e finiscono in galera non pochi oppositori alla guerra) al Cremlino si è passati dal riconoscimento delle Repubbliche auto-proclamate indipendenti delle regioni russofone ribelli, all’entrata nel Donbass orientale dei primi reparti di Mosca, all’assedio non risolutivo della capitale, all’ordine di ‘offensiva generale’, alla decisione di allertare addirittura il dispositivo di sicurezza atomica. Non significa certo che la Russia rischi di perdere la guerra scatenata contro il Davide ucraino: non soltanto perché intatto rimane lo squilibrato rapporto fra le forze militari in campo, ma anche per la continuità territoriale su cui ora può contare l’esercito d’invasione.

Eppure qualche fessura si intravvede nella sicumera che veste la postura, le analisi, gli annunci dell’autocrate. Che non ha convinto i "fratelli" al di là del mitico fiume Dnepr a rigettarsi spontaneamente nelle braccia di Madre Russia; che ha definito il presidente Zelensky il capo di una banda di ‘drogati e neonazisti’; che ha inutilmente chiesto ai generali nemici di liberarsene con un colpo di Stato. E che ora accetta una trattativa senza precondizioni, naturalmente da tenersi in terra amica, quella del suo alleato bielorusso Lukashenko. Che se ne è uscito con il più inverosimile ma minaccioso dei moniti: "Le sanzioni occidentali spingono verso la guerra nucleare". Ma come, il ‘geniale’ non le aveva messe in conto? Non aveva tutto previsto? Non ha predisposto contromisure adeguate (magari attraverso ospitali canali finanziari alternativi cinesi) per neutralizzare l’esclusione (parziale) di banche russe dal circuito internazionale? E non dovrebbero essere un boomerang anche per le nostre economie?

Sta di fatto che quelle sanzioni – pur producendo i loro effetti solo tra settimane o mesi – potrebbero avere conseguenze molto pesanti sulla situazione di un Paese, la Russia, che ha la sua ricchezza principale e quasi esclusiva nell’esportazione di gas e petrolio, che ha investito molto del suo budget nelle spese militari, che ha una società fra le più diseguali fra i Paesi industrializzati, e il cui Pil pro-capite, a parità di potere d’acquisto, nell’anno pre-pandemico 2019 era appena al di sopra di quello della Bulgaria. E adesso c’è da sommare la fattura della guerra. Fattura salata. Nano economico ma potenza militare, si continua a ripetere della Russia. Ma anche questo è solo in parte vero. Mosca destina alla difesa 60 miliardi di dollari, gli Stati Uniti sono vicini agli 800 miliardi, la Cina è a 252, Germania, Francia e Italia insieme a 134 miliardi. Ma certo, la differenza la fa l’arsenale atomico. No, non è assolutamente un caso se a Mosca e a Kiev se ne parla apertamente. E minacciosamente. Al tavolo delle annunciate trattative (si dice insistentemente chieste a Mosca da Pechino), negoziati che si terrebbero al posto doganale bielorusso di Alexandrovka-Vilchha, le parti vogliono presentarsi ciascuna col massimo del loro peso negoziale. Gli ucraini con i risultati di una resistenza imprevista e con alle spalle le sanzioni occidentali. I russi anche col richiamo alla loro potenza nucleare. E non è un bel viatico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
11 ore
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
© Regiopress, All rights reserved