laRegione
laR
 
17.01.22 - 19:46
Aggiornamento: 20:02

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce

di Franco Zantonelli
il-gennaio-maledetto-dei-maschi-alfa
Keystone
ll 57enne Horta-Osorio è pure stato insignito del titolo di Baronetto pochi mesi fa dalla Regina Elisabetta

Le dimissioni comunicate nottetempo da Credit Suisse del proprio presidente, Antonio Horta-Osorio, unitamente ad altri episodi con protagonisti diversi, verificatisi in questo primo scorcio di 2022, sembrerebbero dimostrare che l’anno è iniziato male per i cosiddetti maschi alfa. Soprattutto per la sottospecie più proterva, quella incline a mentire, a violare le regole, per poi pensare di potersela cavare con quattro scuse in croce.

ll 57enne Horta-Osorio, che pure è stato insignito del titolo di Baronetto pochi mesi fa dalla Regina Elisabetta, rappresenta bene il genere. In ben due occasioni ha violato le regole della quarantena, una in Svizzera l’altra nel Regno Unito, facendosi beffe delle disposizioni valide per gli altri cittadini. Un Djokovic in grisaglia, per citare un esemplare di maschio alfa pure lui finito al tappeto nel nuovo anno, di cui il banchiere di Credit Suisse, appassionato di tennis e giocatore di un certo talento, è un grande estimatore. Tanto da montare sul jet della banca lo scorso 11 luglio e volare a Londra per assistere alla finale del torneo di Wimbledon tra il serbo e Berrettini. E la quarantena obbligatoria per coloro che in quei giorni si recavano in territorio britannico? Non è affare di un maschio alfa, a quanto pare.

Alla stessa categoria appartiene, d’altronde, anche lo stesso premier del Regno Unito, Boris Johnson. Il quale impone delle restrizioni anti-Covid ai suoi concittadini e poi è il primo a eluderle, organizzando dei festini ad alto tasso alcolico, nel giardino del numero 10 di Downing Street. Pronto, una volta uscita la notizia, a chiedere perdono al Parlamento e alla Regina. Tale e quale Horta-Osorio. Anche Johnson, come il banchiere, è iscritto alla lobby all’insegna del “menefrego se non si può fare”.

Poi, ogni tanto, pure i maschi alfa, come dimostra la vicenda di Djokovic, si ritrovano in guai seri, a causa del loro senso di onnipotenza. Ne sa qualcosa il terzogenito della Regina Elisabetta, Andrea Duca di York, anche lui non più un intoccabile, anzi praticamente un reietto, dopo che qualche giorno fa, sempre dunque in questo gennaio maledetto per i maschi alfa, un giudice di New York ha deciso di processarlo per violenza sessuale.

Tornando al mondo dello sport, dove le figure dei leader con più medaglie che principi non sono mai mancate, giganteggia quella di Lance Armstrong, dal ’99 al 2005 padrone indiscusso del Tour de France, nonostante fossero pesanti i sospetti sul suo ricorso al doping. Un super maschio alfa che governava la corsa a tappe francese con pugno di ferro ed era pronto a usare anche le maniere forti in caso di contestazioni da parte di altri corridori. Ecco, come è successo ad Armstrong, Djokovic rischia di perdere tutto, di passare da campione riverito a reprobo. Per impiegare un termine abusato finirà di dover attaccare la racchetta al classico chiodo. E, se nel farlo, si pesterà un dito con il martello non fiaterà. Da vero maschio alfa.

Più dolce, invece, sarà sicuramente il futuro di Antonio Horta-Osorio. Tempo pochi mesi, quando lo scandalo delle quarantene saltate sarà dimenticato, tornerà a guadagnare milioni da un’altra parte. E sta a vedere che qualche chiromante ha già intravisto, nel 2023, un anno d’oro per i maschi alfa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
19 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved