laRegione
storia-di-un-apprendista-sopravvissuto-al-lockdown
Chiamiamolo Pietro (Ti-Press)
laR
 
28.08.21 - 05:30

Storia di un apprendista sopravvissuto al lockdown

Lunedì prossimo circa duemila ragazzi inizieranno un percorso di formazione professionale. Altri 350 invece restano fuori dai radar

Sono quasi duemila i ragazzi che lunedì prossimo in Ticino inizieranno un percorso di formazione professionale. Questa è la storia di uno di loro.

Per comodità diamo un nome al nostro apprendista: chiamiamolo Pietro. Un ragazzo che poco più di un anno fa frequentava la terza media, quando il diffondersi del coronavirus costrinse le autorità a decidere la chiusura delle scuole. Eravamo in primavera. Pietro era temporaneamente figlio unico in una famiglia temporaneamente monoparentale.

Come andarono le cose più o meno ce lo ricordiamo tutti: aule svuotate e il repentino passaggio alla modalità d’insegnamento a distanza. In molti casi, come in quello di Pietro, l’esperienza fu piuttosto traumatica. Con un padre impegnato al lavoro – ritenuto “essenziale” dalle autorità –, le scuole ferme, i compagni rinchiusi in casa e pochi contatti col mondo esterno, il ragazzo si trovò nella necessità di crearsi un suo universo parallelo. Uno spazio in cui la proposta dell’insegnamento a distanza non riuscì a dargli la struttura di cui lui avrebbe avuto bisogno, anche e soprattutto per l’assenza di una figura genitoriale in grado di stargli vicino.

Il vuoto però Pietro in qualche modo doveva pure riempirlo, e così fece. Ci furono eccessi e litigi, violenza, smarrimento, fermi di polizia e colloqui col magistrato dei minorenni, ricovero in pronto soccorso e qualche ipotesi d’internato in istituto. La piena ripresa della scuola in presenza, a settembre del 2020, arrivò purtroppo troppo tardi: Pietro doveva finire le Medie ma ormai era entrato in un processo autodistruttivo che evidentemente non si spiega soltanto con la pandemia, ma che il lockdown potenziò e in qualche modo precipitò. Pietro non era più figlio unico e la sua famiglia tornò a essere biparentale. Ma lui non era più in grado di frequentare la scuola. Il buio diventò più denso. Ci fu un tentativo di trovare risposte con un viaggio all’estero, ma non c’è stato verso. D’altronde si sa: quando convivi con un forte disagio, te lo porti appresso, ovunque tu vada. Tant’è che Pietro tornò in Ticino, ormai senza più possibilità di ottenere la licenza di scuola media, privo di stimoli e in una situazione che anche dal punto di vista clinico diventava sempre più complessa. A tutti gli effetti Pietro era un candidato a ingrossare quel 10% di ragazzi che, nel nostro cantone, escono prematuramente dai radar del sistema formativo e che spesso finiscono per diventare dei veri casi sociali.

Chi lo ha frequentato durante tutto quel periodo racconta che, anche nei peggiori momenti, ci fu sempre qualcuno accanto che continuò a credere in lui, accompagnandolo, spronandolo a cercare una via di uscita. Pietro, seppur confuso e disorientato, lo percepì. E trovò in suo padre un appiglio. Così, tutt’a un tratto c’è stata la svolta: comparve una possibilità e il ragazzo tirò fuori le sue risorse migliori. Lo stage estivo per guadagnare qualche soldo si trasformò in una chance concreta di assunzione. Anche grazie alla pazienza di due bravi artigiani che si dissero disposti a correre il rischio di “puntare” su di lui.

Lunedì prossimo Pietro incomincia il suo apprendistato. Come lui, altri duemila ragazzi in Ticino. Quanti ne restano fuori? Il Decs parla di 350 giovani ogni anno. Ragazzi che vanno raggiunti, per permettere che il lieto fine della storia di Pietro possa diventare l’inizio di un percorso di salute e di apprendimento per tutti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
apprendistato decs lockdown ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
4 ore
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
2 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
4 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
5 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
6 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
© Regiopress, All rights reserved