laRegione
tony-judt-openlux-e-la-cassaforte-delle-ingiustizie
(Depositphotos)
Commento
22.02.21 - 06:000
Aggiornamento : 16:24

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni

“Guasto è il mondo”, intitolava il grande storico britannico Tony Judt una sua serie di riflessioni sulla cancrena delle disuguaglianze. L’inchiesta condotta da un consorzio di testate internazionali capeggiata dai quotidiani Le Monde e Süddeutsche Zeitung rivela, dopo altre analoghe indagini degli ultimi anni, quanto, seppur in regime di legalità, la libera concorrenza fiscale stia minando la solidità dei diversi Stati e, in ultima analisi, la vita dei suoi abitanti. Il Welfare, grande conquista di un mondo che da fronti diversi e pur contrapposti, cristiano, marxista, social-liberale, sindacale, si voleva più giusto, è oggi minato nelle sua fondamenta da quello che eufemismi e neologismi vari hanno battezzato “ottimizzazione” o “elusione” fiscale: attenti!, ci ricordano i neo esegeti della finanza pulita, da non confondere con “frode” o “evasione”.

Sì, vero, non sono la stessa cosa. Però l’effetto sulle casse dello Stato è analogo. Meno soldi per l’erario, meno finanze, meno socialità, meno scuole, sanità, trasporti. Più povertà. L‘inchiesta OpenLux mette dunque il dito nella piaga della massiccia fuga legale di ricchezza verso il Granducato del Lussemburgo, micro Stato (più piccolo del Canton Ticino) e gigantesca cassaforte, forziere che trasuda miliardi depositati da società offshore, fondi di investimento, fondazioni. Amazon, Kering, Kfc, ma anche società fantasma senza uffici e dipendenti, create ad hoc e di cui l’inchiesta rintraccia i titolari. Troviamo i vigneti francesi di Angelina Jolie e Brad Pitt, châlet, elicotteri, yacht di 266 miliardari, incappiamo in Tiger Woods o senza sorpresa troviamo il nome del principe ereditario saudita.

Molte società rimangono al momento senza titolari (il lavoro da certosini dei giornalisti ne ha comunque identificati 65mila, tra cui i due terzi delle famiglie francesi più ricche): c’è tutto un mondo che rimane opaco, si adombra il sospetto più che legittimo che lì siano confluiti anche i soldi della mafia russa o di quella italiana.  140mila società, una ogni quattro abitanti del Granducato. Centinaia di miliardi sottratti agli Stati e indirettamente ai cittadini.

Paolo Bernasconi, avvocato da anni in trincea nella battaglia per la trasparenza, ha ricordato (Moby Dick, Rete Due) che negli ultimi dieci anni, con lo scambio automatico di informazioni sulle persone fisiche, si sono fatti notevoli passi avanti. Caduto il segreto bancario, è finita l’epoca del riciclaggio di soldi sporchi (sul quale hanno lucrato molte banche elvetiche). Ma oggi è l’ottimizzazione fiscale a minare il benessere e il bene comune: Stellantis, il colosso che riunisce 14 case automobilistiche (da Fiat a Peugeot, Citroen, Jeep, Abarth, Dodge ecc.) – ricorda lo stesso Bernasconi – è multinazionale di diritto… olandese, registrata dunque in un paese dove non produce nulla.

“La fiducia, la cooperazione, la tassazione progressiva e lo Stato interventista dopo il 1945” – scriveva Tony Judt – “hanno creato sicurezza, prosperità, servizi sociali”. La giungla della finanziarizzazione a partire dagli anni Reagan-Thatcher, con il loro mantra liberista, ci ha riportato a forme brutali di ipercapitalismo. La pandemia e la necessità di farvi fronte economicamente e socialmente dovrebbero ricordarci quanto, al di là delle discettazioni tra elusione legale ed evasione illegale, un’equa fiscalità globale sia la premessa imprescindibile al benessere comune.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
10 ore
Usa e Russia, una guerra molto fredda
Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior
I soldi comprano le parole e anche i diritti
Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior
Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco
Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior
Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri
Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
2 gior
Le emozioni dello sport vanno condivise
Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
3 gior
I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese
Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
5 gior
Per i grandi progetti, più potere al popolo
Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior
La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa
Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
6 gior
Ketty Fusco, un ricordo
L'attrice, regista e scrittrice raccontata da Renato Reichlin, già Direttore del Teatro Sociale di Bellinzona e di LuganoInScena
Commento
6 gior
Lugano, quei limiti dietro alla solidità
Un numero esagerato di pareggi rischia di compromettere la classifica dei bianconeri. Urge un pronto ritorno alla vittoria. Per non correre rischi evitabili
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile