laRegione
chiara-ferragni-gli-uffizi-e-la-banalita-dell-influencer
Chiara Ferragni Botticelli (www.instagram.com/uffizigalleries/)
Commento
25.07.20 - 06:000

Chiara Ferragni, gli Uffizi e la banalità dell’influencer

Le polemiche per la visita della celebrità italiana agli Uffizi sono un rassicurante ritorno alla normalità. E alla miopia di certe istituzioni

C’è qualcosa di rassicurante, nella polemica Chiara Ferragni/Uffizi che ha tenuto banco negli scorsi giorni. Rassicurante perché le accese discussioni nate da una visita “in solitaria” della influencer al museo fiorentino – legata a un servizio fotografico per ‘Vogue’ – e relativa eco sui social media testimoniano, a loro modo, un ritorno alla normalità: se possiamo litigare sull’opportunità di accostare la Venere di Botticelli a una donna che ha saputo trasformare i social media in un redditizio mestiere, vuol dire che, almeno a livello mediatico, stiamo iniziando a lasciarci alle spalle la pandemia.
Certo, è una normalità di cui in molti avrebbero volentieri fatto a meno, con l’inconcludente polarizzazione tra chi attacca in maniera pretestuosa e spesso verbalmente violenta Chiara Ferragni per aver osato avvicinarsi al sacro mondo dell’arte e chi invece, con argomenti altrettanto poco convincenti, esalta l’iniziativa di marketing degli Uffizi che con un post su Instagram avrebbe attirato i giovani visitatori (il condizionale in quanto non si hanno dati ufficiali ma solo una dichiarazione del direttore Eike Schmidt sulla quale varrà la pena tornare).
La polarizzazione, il “o sei contro o sei a favore”, è una modalità della mente umana la cui diffusione certo non si limita ai social media ma vi trova terreno fertile: non stupisce quindi che l’immagine dell’influencer in pantaloncini e top bianco (addirittura con ombelico scoperto!) abbia dato il via alla polemica. Gestita peraltro bene da Chiara Ferragni, da sempre attenta a evitare le discussioni tossiche – sarebbe bello se i politici attivi sui social media avessero la stessa cura. Proviamo tuttavia a uscire da questa polarizzazione, iniziando con il riconoscere che Chiara Ferragni è un’imprenditrice di successo, anche se in un mondo che – per questioni anagrafiche e di sensibilità – parte della popolazione fatica a comprendere. Un’imprenditrice e una celebrità che è normale utilizzi un museo come ‘location’: capita di continuo, a vantaggio di tutti; e il fatto che ciò non avvenga durante l’usale orario di apertura, più che una cortesia verso la celebrità, è a tutela del pubblico che si presume visiti il museo per le opere d’arte, non per ritrovarsi invischiata in un set fotografico. E normale è anche che Chiara Ferragni documenti la visita in solitaria con un post su Instagram nel quale, con studiata naturalezza, consiglia di visitare “one of the most special [museums] in the world” (in inglese, perché il suo pubblico è internazionale).
Solo che gli Uffizi non si sono limitati a questa pubblicità gratuita sul seguitissimo profilo di Chiara Ferragni e hanno voluto rilanciare la visita sui propri canali, con un’operazione un po’ maldestra, per stile e contenuto (ma va riconosciuto che gestire l’identità “social” di un’istituzione, soprattutto se prestigiosa come gli Uffizi, è cosa complessa). E poi è arrivata la difesa del direttore Schmidt, basata unicamente sul numero di like ricevuti e di biglietti staccati. E giustificare la propria strategia comunicativa semplicemente su questi due parametri è indegno – per un museo come per un qualunque influencer o aspirante tale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
17 ore
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
1 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
3 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
4 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
5 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile