laRegione
se-il-bicchiere-del-rabadan-va-in-campagna-elettorale
(Ti-Press)
Commento
19.02.20 - 17:110

Se il bicchiere del Rabadan va in campagna elettorale

Il bicchiere in silicone ha tenuto banco persino in consiglio comunale. Come mai?

Dopo settimane di polemiche il bicchiere in silicone del Rabadan ha tenuto banco anche in Consiglio comunale. Quasi fosse la questione più importante del centro Europa!

C’è chi si è interrogato sull’aspetto dell’igiene in capannoni dentro i quali notoriamente si balla e si suda stipati all’inverosimile; c’è chi ha sollevato domande sulle funzioni del microchip incorporato nel bicchiere. Persino il suo trasporto dall’estero – da Genova a Bellinzona – è stato passato ai raggi x in una stagione marcatamente primanostrista e attenta alle emissioni di Co2. La scelta del Rabadan, voluta proprio quale contributo a favore dell’ambiente, è così finita alla sbarra.

Il Municipio ha rassicurato: per garantire l’igiene alle mescite si dovranno riempire i bicchieri utilizzando la caraffa (e non l’apposita spina), nelle tendine ci sarà il lavaggio con acqua fredda, nei bar pure con quella calda; il microchip è passivo e non potrà spiare nessuno; il viaggio verso la Svizzera è stato fatto con un camion che in ogni caso sarebbe tornato in Ticino vuoto.

Paure? Macchè

Le domande sono forse così tante perché viviamo in un’epoca di paure accresciute?

Paure dei virus? Non si contano ormai più i bollettini sul coronavirus e altro ancora. Paure d’esser spiati? Ora poi che abbiamo persino scoperto come è stato facile intercettare comunicazioni riservate di un centinaio di stati sovrani per decenni coi prodotti #Crypto versione Cia. E pensare che l’uso di quel bicchiere non è neppure obbligatorio!

Comunque, non ci illudiamo: le risposte ufficiali non basteranno, perché… Perché siamo semplicemente in piena campagna elettorale. Prosit!

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile