laRegione
telefonini-al-bando-bene-la-scuola-fa-sul-serio
Banditi? ©Keystone
Commento
05.02.20 - 06:300
Aggiornamento : 07:22

Telefonini al bando: bene, la scuola fa sul serio!

La svolta andrà spiegata molto bene ai giovani e in particolare alle loro famiglie in modo da trasformale in alleate dei docenti

Telefonini a scuola, in arrivo un importante giro di vite sempre che il parlamento cantonale lo vorrà benedire. E noi speriamo vivamente di sì. Nelle scuole dell’obbligo si dovranno tenere spenti gli smartphone, che non dovranno neppure essere visibili fisicamente. E non potranno neppure essere utilizzati – e questa è la sfida più impegnativa – durante le pause. Questo quanto deciso dalla commissione formazione e cultura all’unanimità: la palla passa ora al Gran Consiglio. Un passo per gestire in modo più omogeneo la materia in tutti gli istituti dell’obbligo del Cantone, che va nella direzione di inasprire precedenti direttive del Dipartimento di Bertoli.

Farà bene agli allievi

La svolta farà bene agli allievi, i quali vivono convinti nella stragrande maggioranza di non poter vivere (esistere?) senza il telefonino accanto, ovviamente acceso e carico. Anche perché, diciamolo francamente, non hanno mai fatto esperienze diverse. Così il telefonino è una delle prime cose da visionare appena alzati al mattino e probabilmente l’ultima da consultare prima di coricarsi. È persino un compagno inseparabile di chi studia, che se lo mette accanto, spesso e volentieri ascoltando musica. ‘Ma come fai a concentrarti?’ ho chiesto una volta a uno dei miei figli? La risposta è stata sconcertante: ‘Se non ho acceso la musica, non riesco a concentrarmi’. Il mondo al contrario ho pensato, memore delle giornate passate a studiare in biblioteca. Un luogo quasi sacro nel quale non volava una mosca!

Genitori alleati coi docenti!

Sarà interessante osservare due aspetti della proposta di modifica, se dovesse passare. Il primo è legato al compito di verifica del rispetto della direttiva. Non c’è peggior scelta che adottare una regola e poi non farla rispettare. E su questo fronte il coltello dalla parte del manico l’avranno i docenti e le direzioni degli istituti: saranno in grado, o anche solo vorranno, fare rispettare l’inasprimento che, come scritto, vale anche al di fuori delle lezioni, ossia durante le pause? Su questo punto non vorremmo che, come si suol dire, fatta la legge trovato l’inganno o la scappatoia. Scappatoia che – e veniamo al secondo punto – sarà ancor più facile da imboccare se le famiglie non si alleeranno coi docenti. Famiglie che – diciamolo – spesso hanno già perso la prima battaglia dell’uso consapevole e limitato del telefonino coi loro figli…

Parlare coi coetanei

L’opportunità offerta dalla possibile svolta è enorme: fare riassaporare ai ragazzi, mentre vanno a scuola e crescono, che vi sono momenti in cui sono con altri loro coetanei e che li devono sfruttare positivamente per parlare con loro e non per isolarsi, uno accanto all’alto, consultando appena possibile messaggi e comunicazioni varie apparse sul proprio cellulare. Un’operazione – è bene averne coscienza – che non sarà facile proprio perché mira a modificare abitudini ormai ben radicate, per taluni già persino divenute delle vere e proprie dipendenze. È un bene che la politica cerchi ora di raddrizzare almeno un po’ il campanile. Ma la svolta, lo ripetiamo, andrà spiegata molto bene ai giovani e in particolare alle loro famiglie in modo da trasformarle in alleate dei docenti. Fuori e dentro la scuola, stessa filosofia.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile