laRegione
Commento
22.01.18 - 06:200

Allarme rosso

L’esito del referendum contro onorari e rimborsi per sindaco, vice e municipali di Bellinzona dice che il “metodo Lega” ha un seguito anche nella Turrita 2.0

L’esito del referendum contro onorari e rimborsi per sindaco, vice e municipali di Bellinzona dice che il “metodo Lega” ha un seguito anche nella Turrita 2.0, regione in cui finora il movimento di via Monte Boglia aveva fatto solo timide comparse e più di un flop. Finito il Noce nel camino di Palazzo civico, Lega e Udc col sostegno dell’Mps hanno dimostrato ieri che l’alleanza di forze minoritarie agli opposti può avere successo. Può, perché il tema dei salari stratosferici che la casta si è auto-attribuita come primo gesto politico alla testa della nuova Bellinzona (questa la teoria dei contrari) è da annoverare fra quelli che hanno fin troppo facile presa sui cittadini votanti.

I prossimi due-tre anni, quando il Municipio dovrà sfornare i cosiddetti messaggi strategici dopo aver esaurito quelli introduttivi legati all’aggregazione, diranno se l’opposizione dura saprà condizionare a tal punto la classe dirigente da indurla a fare scelte contro natura. Intanto Plr, Ppd e Ps – chiamati a fare autocritica e a modificare quantomeno il modo con cui diffondere idee e opinioni – farebbero la figura dei sordi e dei ciechi se non considerassero adeguatamente l’allarme rosso accesosi ieri. Mario Branda e colleghi sono infatti stati descritti come ‘adepti degli aperitivi’ che non meritano il soldo, e ora rischiano di portarsi dietro per sempre questa nomea. Che verrà ripetuta ogni qualvolta si vorrà criticare l’esecutivo su temi puntuali.

Non ci sono tante vie d’uscita, anche perché chi sta all’opposizione ora si sente legittimato a dettar legge, annunciando battaglia ad ampio raggio e chiedendo alla casta un cambiamento di rotta secondo il principio “prima i fatti poi i danari”. Sarà difficile ripartire dal 21 gennaio 2018. E in definitiva, l’aggregazione non è sinonimo di armonia a tutti i costi. Prossima puntata il semisvincolo cittadino, tema di portata cantonale che vede Verdi, Mps e una parte di Ps schieratissimi contro Plr e Ppd.

Potrebbe interessarti anche
Tags
lega
allarme
allarme rosso
bellinzona
TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved