laRegione
nene-zurm-hle-il-calcio-il-daro-e-le-sue-forti-convinzioni
IL RICORDO
14.09.20 - 17:170

Nene Zurmühle: il calcio, 'il Daro' e le sue forti convinzioni

Per lui una società di calcio doveva formare, aggregare e integrare i giovani

Ho conosciuto Nene Zurmühle quando, ancora giovane, fui per parecchi anni giocatore dell’Unione sportiva Pro Daro. Ne serbo il ricordo di una persona dalle forti convinzioni e di valori netti. Il Daro era una società di calcio che doveva, prima di tutto, occuparsi dei giovani, costituire un luogo di aggregazione e di integrazione. Nulla per chi ambiva a gloria sportiva o notorietà personale (seppure a livello di calcio minore); aborriva poi l’idea che si potesse pagare i giocatori. Se sentiva qualcuno dire che così succedeva in tal o talaltra squadra, scuoteva la testa cui seguiva un “roba da matt”. Non gli piacevano i giocatori che inveivano contro arbitri o avversari, né i genitori che a bordo campo sfidavano la civiltà nel sostegno ai propri figli. Nene chiedeva cose d’altri tempi: rispetto e buona educazione.

Il 'sindaco' e il suo 'municipio'

Ricordo però anche di essermi con lui scontrato un paio di volte: da capitano della squadra dissentii sull’allontanamento di due allenatori. Glielo dissi. Mi rispose che capiva, ma fu altrettanto chiaro che la 'sua' decisione non sarebbe stata rimessa in discussione e poco importava se i giocatori e il capitano avevano un’altra opinione. Amava 'il Daro' e amava Daro e la storia di questo tradizionale, popolare quartiere di Bellinzona: capii che non gli dispiaceva se qualcuno, avvicinandolo, tra il serio e il faceto lo interpellava come 'sindaco'. E in fondo il bar Penalty, una sua creatura, poteva ben essere considerato il 'municipio' di questo suggestivo regno. Le discussioni, ma anche i pettegolezzi sportivi e politici come di ogni altro tipo, costituivano - e ancora costituiscono - una disciplina che solo i più preparati potevano pensare di affrontare alla tribuna di questo ritrovo pubblico senza correre il rischio di vedersi demoliti dalla contestazione o dallo scherno degli astanti. Nene conosceva bene queste dinamiche e le seguiva con evidente piacere, partecipandovi e mettendoci del suo quando appena ne aveva l’opportunità.

La gratitudine

Ho ancora avuto occasione d'incontrarlo un paio di volte alla casa anziani di Pedemonte (prima del Covid) e, successivamente, l’ho sentito al telefono. Ha sempre avuto parole di gratitudine per i suoi famigliari, per tutti coloro che in questi anni gli sono stati accanto e per i suoi concittadini, i Daresi! Mi ha però anche sempre detto di quanto apprezzasse la sollecitudine e l’attenzione del personale della Casa anziani Pedemonte. «Lo sai – mi diceva – non sono del tuo partito e non sono sempre stato d’accordo con te, ma queste cose la Città le ha fatte davvero bene!». Giro il complimento, come avrebbe fatto lui, a chi lo merita davvero: infermieri, assistenti di cura, personale alberghiero e di pulizia, direzione. E poi naturalmente grazie a te, caro Nene!

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
Il dibattito
5 gior
Da noi i cigni sono bianchi
Bixio Caprara, presidente Plrt, in risposta a "Vitta, il 'cigno nero' e una certa idea di rilancio" di Daniel Ritzer, su laRegione di sabato 19 settembre.
I dibattiti
1 sett
Ancora una volta: chi sono i cattivi?
I pagamenti diretti agli agricoltori non sono sussidi, ma prestazioni per un lavoro a favore di tutti
Il dibattito
1 sett
Ma cosa si pretende da questi Procuratori pubblici?
Si pongono tutta una serie di interrogativi, letteralmente inquietanti, sull’andamento della giustizia del Canton Ticino
Il dibattito
2 sett
La clausola ghigliottina e lo Yeti
Chi sostiene pubblicamente che l’UE non invocherà la clausola non tiene conto del fatto che la clausola è già attiva, non va invocata!
Il dibattito
2 sett
Disabilità, bunker e vita vera
La fragilità umana ci appartiene dalla notte dei tempi, non può essere eliminata solo con semplici severe direttive e rinchiudendo i più deboli in bunker, senza nemmeno prenderci la briga di ascoltarli
I dibattiti
2 sett
No, signor Dozio, le bugie le racconta Lei!
Iniziativa sulla limitazione, Eros Mellini: 'Lei dice che l'Udc di raccontare frottole. Mi permetta di contestarle le Sue'
I dibattiti
2 sett
Risse a Bellinzona, urgente un operatore di strada
Dopo i due recenti episodi di violenza verificatisi in viale Stazione: 'Meno repressione e più prevenzione'
il dibattito
2 sett
Un sì per la montagna
Per rilanciare la montagna è necessario interrogarsi sulla presunta sacralità della natura selvaggia, sostituendola con il termine biodiversità, da intendere però in termini non oppositivi rispetto alla presenza umana
Il dibattito
3 sett
Non solo libera circolazione
Nessun salto nel buio, nessun timore della paura che ci vogliono incutere!
Il dibattito
3 sett
Quando troppo è troppo, ovvero le troppe bugie dell’Udc
Le misure di accompagnamento vanno rafforzate. È questo lo strumento principale per far fronte alle speculazioni antistranieri della destra populista e conservatrice. E su questa strada ci si dovrà muovere, se l’iniziativa venisse bocciata
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile