laRegione
thailandia
06.10.22 - 15:12
Aggiornamento: 21:19

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso

Ansa, a cura di Red.Estero
entra-nell-asilo-e-fa-una-strage-37-vittime-24-sono-bambini
Keystone
Il luogo della strage

Bangkok – Una strage senza senso, accanendosi su piccoli bambini indifesi in un luogo dove si sentivano protetti: 37 persone sono morte, tra cui 24 bambini, nell’attacco a un asilo compiuto da un ex poliziotto nel nord della Thailandia, di recente licenziato per uso e traffico di metanfetamine, che alla fine si è suicidato.

Una tragedia che giunge a due anni da un’altra uccisione di massa nel ‘Paese dei sorrisi’, allora ad opera di un soldato, e che ancora più di quella riproporrà riflessioni sull’ampia disponibilità di droghe a basso costo e armi in Thailandia.

La dinemica

Il killer, Panya Kamrab (34 anni), ha prima ucciso due adulti in un centro amministrativo provinciale e poi ha fatto irruzione subito dopo l’ora di pranzo in un piccolo asilo nel villaggio di Uthaisawan Na Klang, nella provincia settentrionale di Nong Bua Lamphu. Con una pistola di 9 millimetri e un coltello, lì ha ucciso 24 persone, tra cui 22 bambini (19 maschi e tre femmine, alcuni di soli due anni) e le due maestre, una delle quali incinta di otto mesi. Altre sette persone, tra cui un bambino, sono state uccise durante la fuga. L’ex agente si è poi tolto la vita a casa, dove ha anche ucciso la moglie, il figliastro di quattro anni, e altri due adulti.

Secondo la polizia locale, Panya sarebbe andato all’asilo in cerca del figlio nato da una precedente relazione della moglie. Non trovandolo, avrebbe iniziato a sparare e ad accoltellare i presenti. Per i bambini era l’ora del riposo: in alcune cruente immagini trapelate sui social media, si nota che le piccole vittime sono ancora distese sul loro giaciglio sul pavimento. E il bilancio sarebbe potuto essere ancora più pesante se non fosse stata una giornata di forti piogge, che avevano convinto alcune famiglie a tenere i bambini a casa.

Non è ancora chiaro cosa abbia fatto perdere la testa al killer. È però altamente probabile che l’uomo non fosse in sé a causa del recente licenziamento, deciso dopo essere stato arrestato perché vendeva metanfetamine. Si era dovuto presentare in tribunale poco prima di fare irruzione nell’asilo, in vista dell’imminente inizio del processo.

La strage ha scioccato un Paese dove, data la tipica assenza di violenza, gli standard di sicurezza sono molto rilassati, specie in una provincia come Nong Bua Lamphu, una zona rurale tra le più povere della Thailandia. La dinamica ricorda quella della sparatoria in una base militare e in un centro commerciale del nordest nel febbraio 2020, quando un soldato – anche lì con un desiderio di vendetta scaturito da un presunto torto sul lavoro – uccise 29 persone e ne ferì 58.

Droghe e povertà

Inevitabile collegare quest’ultima tragedia con l’alta diffusione di metanfetamine e armi da fuoco in Thailandia. Le pillole di ‘ya baa’ - la cosiddetta ‘droga dei pazzi’ – sono alla portata di tutti, e vengono consumate regolarmente da chi ha turni di lavoro massacranti per tirare a campare; il che, in un Paese dalle altissime disuguaglianze, significa un’ampia fetta della popolazione.

In constrasto con la sua immagine di Paese pacifico, la Thailandia è il secondo Paese del Sud-est asiatico per numero di morti in sparatorie, un numero più alto anche di quello degli Stati Uniti. È stato stimato che siano in circolazione 15 armi per ogni 100 thailandesi, il 60 per cento detenute illegalmente. La pistola del killer dell’asilo era regolarmente registrata, ha riferito la polizia, ma il problema rimane. Armi e droghe facilmente reperibili, uomini dall’ego fragile: un mix letale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 ore
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
4 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
9 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
11 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
19 ore
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
19 ore
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
1 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
1 gior
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
1 gior
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved