laRegione
02.10.22 - 22:57

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic

Ansa, a cura di Red.Estero
bosnia-il-secessionista-dodik-in-vantaggio
Keystone

In Bosnia-Erzegovina, dove si è votato per le elezioni generali e il rinnovo degli organi istituzionali a tutti i livelli - federale e delle due entità che compongono il Paese - la commissione elettorale ha diffuso in serata i primi risultati parziali. Per quanto riguarda i componenti della presidenza tripartita, dopo lo spoglio di oltre il 43% delle schede elettorali, figurano in vantaggio il bosgnacco musulmano Denis Becirovic del Partito socialdemocratico (Sdp) con oltre il 54% dei voti, la serba Zeljka Cvijanovic dell’Unione dei socialdemocratici indipendenti Snsd con il 55%, e il croato Zeljko Komsic del Fronte Democratico, dato al 67%. La presidenza collegiale bosniaca è composta da tre membri, ognuno in rappresentanza di uno dei tre popoli costitutivi della Bosnia-Erzegovina - bosgnacchi musulmani (sono il 50,1% dell’intera popolazione), serbi ortodossi (30,8%) e croati cattolici (15,4%). Nella corsa per la componente musulmana della presidenza, se saranno confermati tali risultati, risulterebbe sconfitto Bakir Izetbegovic, dato per favorito alla vigilia e che figura alle spalle di Becirovic, sostenuto quest’ultimo da varie forze di opposizione. Per la presidenza della Republika Srpska, l’entità a maggioranza serba, è dato in vantaggio Milorad Dodik (Snsd), membro serbo uscente della presidenza che è nel mirino della comunità internazionale per le sue crescenti e aperte aspirazioni secessioniste.

L’affluenza alle urne per tutto il Paese, come ha riferito la commissione elettorale, è risultata del 50%, quattro punti in meno rispetto alle ultime elezioni del 2018. Nella Republika Srpska la partecipazione è stata del 53%, nella Federazione croato-musulmana del 48%. I risultati parziali relativi agli altri organi istituzionali per i quali si è votato - parlamenti delle due entità e del Distretto autonomo di Brcko, i dieci Cantoni della Federazione croato-musulmana - saranno diffusi nelle prossime ore, ha fatto sapere la commissione elettorale a Sarajevo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
2 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
8 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
9 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
18 ore
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
18 ore
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
1 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
1 gior
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
1 gior
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved