laRegione
12.08.22 - 08:28
Aggiornamento: 16:24

Samsung: erede del gruppo graziato dalla condanna di corruzione

Lee Jae-yong sarà ‘reintegrato’ per ‘aiutare a superare la crisi economica della Corea del Sud’, ha spiegato il ministro della Giustizia del Paese

Ats, a cura di Red.Web
samsung-erede-del-gruppo-graziato-dalla-condanna-di-corruzione
Keystone

L’erede e leader di fatto del gruppo Samsung ha ricevuto oggi la grazia presidenziale, ultimo esempio di una tradizione sudcoreana di clemenza nei confronti dei grandi patron condannati per corruzione e altri reati finanziari.

Il miliardario Lee Jae-yong, condannato per corruzione e appropriazione indebita lo scorso gennaio, sarà "reintegrato" per "aiutare a superare la crisi economica della Corea del Sud", ha affermato il ministro della Giustizia Han Dong-hoon.

Lee, 54 anni, la 278ª persona più ricca del mondo secondo Forbes, era stato rilasciato con la condizionale nell’agosto 2021 dopo aver scontato 18 mesi di prigione, poco più della metà della sua condanna originale. La grazia di oggi gli consentirà di tornare a lavorare a pieno titolo, revocando il divieto di lavoro che gli era stato imposto dal tribunale per un periodo di cinque anni dopo la sua pena detentiva.

"A causa della crisi economica globale il dinamismo e la vitalità dell’economia nazionale sono peggiorati e si teme che la crisi economica si prolunghi", ha affermato il Ministero della giustizia in una nota. Il dicastero spera che l’uomo d’affari possa "guidare il motore di crescita del Paese investendo attivamente in tecnologia e creando posti di lavoro". A Lee Jae-yong è stata concessa la grazia insieme ad altri tre uomini d’affari, tra cui il presidente del gruppo Lotte, Shin Dong-bin, che ha ricevuto una condanna a due anni e mezzo di reclusione con sospensione della pena in un caso di corruzione nel 2018.

Lee è il vicepresidente di Samsung Electronics, il più grande produttore mondiale di smartphone. Le entrate complessive del conglomerato equivalgono a un quinto del prodotto interno lordo della Corea del Sud. È stato incarcerato per reati legati a un enorme scandalo di corruzione che ha fatto cadere l’ex presidente Park Geun-hye. Non è raro che i principali magnati sudcoreani vengano accusati di corruzione, appropriazione indebita, evasione fiscale o altre attività economiche illegali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il commento
1 ora
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
Confine
1 ora
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
9 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
15 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
22 ore
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
23 ore
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
23 ore
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
1 gior
Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’
Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
© Regiopress, All rights reserved