laRegione
marmolada-gli-esperti-non-c-erano-segnali-di-collasso
Keystone
07.07.22 - 17:46
Ats, a cura di Red.Web

Marmolada: gli esperti, ‘non c’erano segnali di collasso’

Secondo la task-force che da 20 anni monitora costantemente il ghiacciaio del Massiccio, non era sostanzialmente possibile prevenire il disastro

Inutile cercare responsabilità, sperare che il disastro della Marmolada si potesse prevenire. Lo dicono gli esperti che da oltre 20 anni monitorano costantemente il ghiacciaio della Regina delle Dolomiti, e che costituiscono la "task force" interuniversitaria più competente in materia.

Prima del crollo di domenica, "non si sono osservati dei segnali evidenti di un collasso imminente", hanno scritto oggi. E "salvo rarissimi casi, nei ghiacciai, a differenza delle frane, non vi sono sistemi di allerta che misurano movimenti e deformazioni in tempo reale".

A parlare è il Gruppo di lavoro glaciologico-geofisico per le ricerche sulla Marmolada composto da Aldino Bondesan, dell’Università di Padova, responsabile del Comitato Glaciologico Italiano (Cgi) per il coordinamento della campagna glaciologica annuale nelle Alpi orientali, Roberto Francese, geofisico dell’Università di Parma e membro del Cgi, Massimo Giorgi e Stefano Picotti, geofisici dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste.

La Marmolada è sotto osservazione sin dai primi anni del secolo scorso da parte del Cgi – istituzione fondata nel 1895 – assieme ad altri 200 ghiacciai alpini.

È vero, in linea generale, che "il ritiro e il riscaldamento determinano un aumento della frequenza degli eventi, e in generale un aumento della pericolosità delle fronti glaciali", ed è vero che l’osservazione annuale di molti ghiacciai è stata recentemente abbandonata, proprio per l’incremento delle condizioni di rischio.

"Tuttavia – precisa il gruppo di ricercatori – non tutti i ghiacciai presentano le medesime condizioni di pericolo". Il distacco di seracchi è frequente "e fa parte della normale dinamica glaciale", ma "più raro è il caso di collassi in blocco come quello verificatosi in Marmolada".

Il crollo del 3 luglio ha interessato un "lembo residuale" del ghiacciaio centrale della Marmolada, una piccola nicchia sotto Punta Rocca, dove si era formata una sorta di "ghiacciaio sospeso". Tra la somma di cause che si può ipotizzare vi è l’inclinazione del pendio, un grande crepaccio che ha separato il corpo glaciale in due unità, l’aumento anomalo delle temperature e della fusione d’acqua all’interno del ghiaccio e della fronte glaciale, che ha fatto mancare sostegno alla massa sospesa.

Più in generale, il gruppo scientifico ritiene molto probabile che il ghiacciaio della Marmolada possa scomparire prima del 2040, in ogni caso improbabile che possa conservarsi oltre il 2060. "Solo pochi anni fa – notano gli esperti – i modelli prevedevano una vita del ghiacciaio per altri 100 o 200 anni". Sulla Marmolada si è già ridotto del 70% in superficie, e di oltre il 90% in volume in un secolo.

Le soluzioni sono poche: a lungo termine un accordo globale che consenta la riduzione dell’emissione di gas-serra per mitigare il riscaldamento terrestre. Nel breve-medio termine "si può solamente ricorrere a strategie di adattamento che consentano la razionalizzazione delle risorse e una maggiore efficienza nei processi industriali e nei modelli sociali".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ghiacciaio marmolada
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro sé stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
3 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
6 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
6 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
6 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
7 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
8 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
8 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
9 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
12 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved